Venerdì, 30 Ottobre 2015 12:21

Istat: il livello della disoccupazione rimane allarmante

Scritto da

Necessario agire con urgenza per dare prospettive al Paese

ROMA - La disoccupazione registrata dall'Istat si attesta all'11,8%, il livello più basso da gennaio 2013. La disoccupazione giovanile, invece, a settembre si attesta al 40,5%.

Livelli che, seppure il lievissimo miglioramento, sono comunque estremamente allarmanti. Non vogliamo sentire nessun festeggiamento e inno alla ripresa. Di fronte a un tasso di disoccupazione così elevato bisogna bandire ogni ottimismo e rimboccarsi le maniche per creare vera occupazione.

Se ci sono meno persone che cercano lavoro è perché, in buona parte, hanno deciso di lavorare all'estero.

È indispensabile che il Governo intervenga prontamente per arginare questa grave situazione, dando prospettive ai giovani e meno giovani senza lavoro e dando un futuro al Paese.

Anche perché i risvolti della grave carenza di lavoro che affligge il nostro Paese sono e saranno sempre più drammatici.

Da un lato si ripercuote sulla domanda interna: i cittadini senza reddito, come è ovvio, sono costretti a ridurre drasticamente i propri consumi, così come lo sono le famiglie costrette a mantenere figli, nipoti e parenti senza lavoro, con una spesa media di 400-500 Euro al mese.

Un andamento che già ha causato contrazioni rilevanti sul fronte dei consumi: nel triennio 2012-2013-2014 si è registrato un calo del -10,7%, con una diminuzione complessiva della spesa di circa 78 miliardi di Euro, con le conseguenze che tutti conosciamo sul fronte della produzione e dell'ulteriore aggravamento dell'andamento occupazionale.

Dall'altro lato si svela uno scenario drammatico per il futuro, dal momento che tutte le persone, soprattutto i giovani, che sono senza lavoro oggi, saranno senza pensione domani.

Per questo è urgente e indispensabile che il Governo prenda coscienza di una situazione che non può più andare avanti e si decida ad avviare quel Piano Straordinario per il Lavoro che invochiamo da tempo.

Un piano che punti su: investimenti per lo sviluppo e la ricerca (di cui nella Legge di Stabilità vi è solo uno scarso e insufficiente accenno); opere di modernizzazione e messa in sicurezza dell'edilizia scolastica e pubblica; un piano dettagliato per la valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico del nostro Paese.

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]