Mercoledì, 30 Dicembre 2015 15:05

Turismo: le tasse aeroportuali prendono il volo. Da gennaio +2,50 Euro

Scritto da

E' necessario incentivare e sostenere il settore turistico, no deprimerlo ulteriormente con nuovi aumenti

ROMA - Brutte sorprese per chi intende viaggiare  in aereo. Dal 1 gennaio 2016, infatti, si prospetta un nuovo aumento delle tasse aeroportuali che, è proprio il caso di dirlo, nell'ultimo decennio hanno preso il volo.

Il nuovo aumento sarà di 2,50 Euro, che porterà a quota 9 Euro l'ammontare dell'«Addizionale comunale sui diritti d’imbarco dei passeggeri sugli aerei» (per gli scali romani di Fiumicino e Ciampino tale addizionale è pari a 10 Euro). Non dimentichiamo che, tale addizionale, rappresenta solo una delle molte voci che compongono le tasse aeroportuali.

A conti fatti, si tratta di un aumento complessivo di oltre 385 milioni di Euro.

Tale aumento inciderà in particolare sul costo dei biglietti low cost, raggiungendo percentuali anche del 5-10% (che variano, ovviamente, a seconda dell'importo del biglietto).

Dopo i conti correnti e le assicurazioni auto più care d'Europa, ecco che ci guadagneremo, così, un nuovo primato negativo. Sostiene, infatti, la Iata (organizzazione che riunisce la maggior parte delle compagnie aeree) che vi sarà, in tutto il mondo, un calo del costo dei ticket pari a circa il -61% dal 1995: in tale contesto l'Italia sarà l’unico Paese dove il costo dei biglietti rischia di aumentare, a causa dell'aumento fiscale e del mancato o comunque insufficiente adeguamento dovuto al ribasso del costo dei carburanti.

È intollerabile che, per un biglietto su una tratta interna come la Milano-Roma, con un prezzo base in classe Economy, ben 67,7% del costo sia riconducibile alle tasse.

"Tutto ciò è inaccettabile. Se è questo il modo in cui si vuole incentivare il turismo nel nostro Paese c'è molto di cui preoccuparsi." - dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

Per questo chiediamo al Governo una svolta in tale settore, per ristabilire equità nella tassazione e dare nuovo impulso ad un settore chiave della nostra economia che, specialmente in una fase delicata come questa, ha bisogno di essere sostenuto e incoraggiato, non certo attraverso nuovi aumenti.

Inoltre, per contrastare questo ennesimo rincaro, abbiamo dato mandato alla nostra Consulta Giuridica di studiare ricorsi ed interventi di carattere legale per annullarne l'applicazione.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]