Sabato, 11 Giugno 2011 15:57

Vino. L'italia è il primo produttore al mondo

Scritto da

ROMA - Con l'ultima vendemmia 2010-2011 l'Italia è diventata il principale produttore mondiale di vino, sfilando il primato alla Francia. L'annuncio arriva dalla Coldiretti in base ai dati della Commissione europea, secondo cui la produzione italiana è stata di 49,6 milioni di ettolitri e quella francese di 46,2 milioni. Un risultato frutto della sostanziale stabilità della nostra produzione e di un calo di quella francese.Inoltre, Coldiretti sottolinea come la produzione italiana sia per il 60% di qualità, con 14,9 milioni di ettolitri destinati a vini Docg/Doc e 15,4 milioni a Igt.


La notizia è stata accolta con grande entusiasmo dai produttori, anzi con orgoglio come ha precisato  il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano.   "Un dato, quello dell'aumento della produzione, che viene esaltato dalle ottime performance che i nostri vini stanno ottenendo sul fronte internazionale, con l'aumento del 31% negli Usa nel primo bimestre 2011 che rappresenta la cartina al tornasole dello stato di salute del sistema produttivo" ha precisato il Ministro.
"Possiamo ancora crescere, anzi dobbiamo farlo" ha concluso Romano. "Nei prossimi tre anni il Vino italiano potrà contare su un budget complessivo di quasi 500 milioni di euro da spendere sui Paesi Terzi per sostenere le vendite e promuovere l'eccellenza dei nostri territori. Il vino dovrà costituire un traino virtuoso anche per gli altri prodotti di qualità meno conosciuti del Made in Italy. Oggi comunque è il momento di brindare all'impegno dei produttori di vino italiani che con competenza e passione, portano in alto il valore del nostro Paese nel mondo".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Coaching Cafè

Il coaching per le aziende

Il Coaching per le organizzazioni è uno strumento che favorisce lo sviluppo e accelera i processi di cambiamento rivolti al miglioramento delle attività aziendali.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Dopo un 2016 deludente, il 2017 restituisce un quadro incoraggiante per l’indust…

La ripresa si è finalmente fatta strada e l’Italia – terzo produttore europeo – cresce ad un buon ritmo (+2,6% stimato per la chiusura dell’anno).  Il miglioramento emerge su più...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La chimica che respiri e il rischio cancerogeno

L’atmosfera urbana è caratterizzata dalla presenza di un insieme vasto ed eterogeneo, da un punto di vista chimico-fisico, di particelle aerodisperse di dimensioni comprese tra 0,005 e 100 μm, costituite...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077