Giovedì, 11 Febbraio 2016 09:59

Esodati, migliaia di lavoratori senza via d’uscita. L’Inps tace

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - “Esodato” è la parola tristemente tragica che ha fatto precipitare migliaia di persone nella disperazione totale, grazie alla riforma pensionistica varata dal governo Monti. Perdita del lavoro, nessun reinserimento occupazionale e nessuna forma pensionistica

Insomma, peggio di così si muore.  Ma quanti sono gli esodati a tutt’oggi? Nessuno lo sa. L’onorevole Maria Luisa Gnecchi del Pd lo ha chiesto direttamente  al Ministro del lavoro con un’interrogazione depositata presso la Commissione Lavoro della Camera lo scorso 28 gennaio.

L’obiettivo della deputata dem è quello di individuare numericamente quei lavoratori inseriti in mobilità a seguito di accordi stipulati in sede governativa o non governativa entro il 31 dicembre 2011 che avrebbero maturato entro 24 o 36 mesi dal termine dell'indennità di mobilità i requisiti pensionistici. 

"Con l'atto di sindacato ispettivo n. 5-06265 - si legge nel testo dell'interrogazione - è stato richiesto al Ministero del lavoro quanti sono i lavoratori suddivisi per sesso,  inseriti in mobilità a seguito di accordi stipulati in sede governativa o non governativa entro il 31 dicembre 2011 e che matureranno i previgenti requisiti pensionistici entro due ovvero tre anni dalla fine del periodo di mobilità”.

In data 17 settembre 2015, il sottosegretario delegato aveva fornito la seguente risposta: «Per quanto concerne lo specifico quesito posto nel presente atto parlamentare rappresento che sono circa 158 mila i lavoratori interessati da accordi governativi, sottoscritti tra il 2008 ed il 2011, che prevedono la mobilità non oppositiva finalizzata al raggiungimento dei requisiti pensionistici. Da ultimo rappresento che l'Inps, specificatamente interessato della questione, ha reso noto che sono in via di completamento le ulteriori analisi dei dati in possesso dell'istituto,peraltro particolarmente complesse e laboriose, al fine di fornire in maniera più dettagliata le informazioni richieste».

Eppure, ad oggi l’Inps non ha dato nessuna risposta su questa delicatissima situazione, nonostante le insistenze della Gnecchi che chiede l’individuazione di questa platea di soggetti, i quali attendono da troppo tempo di capire quale potrà essere il loro destino. 

Uno dei casi più eclatanti è quello che coinvolge migliaia di lavoratrici e lavoratori del comparto aereo, come quelli di Alitalia che dopo le vergognose promesse mancate, dopo anni di cassaintegrazione  e mobilità si sono risvegliati senza nessun futuro. Una battaglia che va avanti dal 2008 e che ha messo alla porta quasi 50mila persone a livello nazionale. 

Read 1407 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]