Lunedì, 11 Aprile 2016 11:56

Tassare le pensioni alte per evitare aumento IVA

Scritto da

VENEZIA - Al netto della uscite per le pensioni e gli interessi sul debito pubblico, che ammontano al 21,5 per cento del Pil, la nostra spesa è tra le più basse d’Europa. Stornando queste due voci, le nostre uscite sul Pil si attestano  al 29,7 per cento, in Germania al 31,4 per cento, in Francia al 39,9 per cento. La media dell’eurozona è al 33,9 per cento. Tra i big solo la Spagna spende meno di noi: 29,3 per cento sul Pil.

“Sebbene ci siano ancora sprechi, sperperi e inefficienze da eliminare – commenta il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo – la nostra spesa pubblica è mediamente più contenuta degli altri. Purtroppo, ancora adesso scontiamo gli effetti di un sistema pensionistico che fino agli inizi degli anni ’90 è stato molto generoso, soprattutto nei confronti  degli statali, e di un debito pubblico che ci è sfuggito di mano negli anni ‘80”.   

Nella prossima legge di Stabilità, proseguono dalla CGIA, il Governo dovrà recuperare ben 15 miliardi di euro, altrimenti dal prossimo anno subiremo un deciso aumento delle aliquote Iva e delle accise sui carburanti.

“Con una spesa pubblica tutto sommato abbastanza contenuta e difficile da comprimere ulteriormente, riteniamo non ci siano molti margini per ridurla di quasi un punto di Pil. A nostro avviso – conclude Zabeo - se non si interverrà anche sulle pensioni, tassando quelle più elevate che non corrispondono ai contributi versati, corriamo il pericolo di ritrovarci con un aumento parziale dell’Iva che penalizzerebbe ancor più i consumi delle famiglie che, nonostante la ripresa, faticano a decollare”.  

Le funzioni della spesa pubblica: confronto principali paesi e media area Euro

Funzioni di spesa
(dati in % su PIL, anno 2014)

Italia

Germania

Spagna

Francia

Area Euro (19)

Protezione sociale (include pensioni)

21,4

18,8

17,6

24,8

20,4

Servizi generali (include interessi)

8,9

6,3

6,9

6,7

7,0

Sanità

7,2

7,2

6,1

8,2

7,3

Affari economici

4,1

3,3

4,4

5,1

4,4

Istruzione

4,1

4,3

4,1

5,5

4,8

Ordine pubblico e sicurezza

1,9

1,6

2,0

1,6

1,7

Difesa

1,2

1,0

0,9

1,7

1,2

Protezione ambientale

1,0

0,6

0,8

1,0

0,8

Abitazioni e assetto del territorio

0,7

0,4

0,5

1,4

0,7

Attività ricreative, culturali e di culto

0,7

0,8

1,2

1,5

1,1

           

Totale spesa pubblica

51,2

44,3

44,5

57,5

49,4

           

Pensioni

16,8

11,0

11,6

15,3

12,7

Interessi sul debito

4,7

1,9

3,6

2,3

2,8

           

Spesa pubblica 

(al netto di pensioni e interessi)

29,7

31,4

29,3

39,9

33,9

Elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Eurostat (aggiornati al 21/03/2016) 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]