Martedì, 12 Luglio 2011 13:51

Italia sotto assedio. La speculazione approfitta dei politici distratti

Scritto da

Per un default gestito orami è tardi, ma per chiedere i soldi a chi ha goduto dello scudo fiscale no. Adesso si dovrà far passare una manovra sanguinaria o subire un default rovinoso, il breve tempo in cui potevamo sperare di riuscire a controllare una ristrutturazione del debito è già scaduto, trascorso tra una sentenza di secondo grado ed una piccante intercettazione, la casa di questo e il matrimonio di quello, con un paese colpevolmente distratto ed una classe dirigente concentrata in maniera folle a pensare, in buona sostanza, solo ai beneamati fattacci loro, la speculazione si è organizzata, si è armata, ed ha cominciato davvero a spaventare.

Ed il conto che è stato presentato al nostro paese è, già oggi, pesantissimo; la differenza tra il rendimento che deve assicurare il titolo decennale di stato italiano, il Btp, e quello che invece deve assicurare il corrispondente titolo di stato tedesco, il Bund a 10 anni, che è l’indice della fiducia nel nostro debito sovrano, è balzato a livelli record e nel corso della mattinata è arrivato a fissare un livello senza precedenti nalla storia dell’euro a 343 punti base, il 3,43%, con rendimenti del Btp che non si che non si vedevano dal lontano 1997, al 6,02%.
Per comprendere appieno l’impatto dell’allargarsi dello spread sul nostro paese ricordiamo che, se fosse possibile rinnovare completamente il nostro debito ai tassi attualmente riservati a noi o agli amici tedeschi, sugli oltre 1.600 miliardi di euro di debito pubblico pagheremmo oltre 96 miliardi annui di interessi con un tasso al 6,02 per cento e meno di 42 con un tasso germanico di 2,59%.
Da notare che la mera differenza di costo dovuto all’allarme sulla tenuta dei nostri conti è ben maggiore dell’importo della manovra da approvare immediatamente per rassicurare i mercati sulla tenuta dei nostri conti.
Questo cane che si morde la coda, questa profezia che si avvera per il semplice fatto di essere stata espressa è il cul de sac in cui si è chiusa l’economia del Belpaese, un vicolo cieco da cui sarebbe ancora possibile uscire con una leadership autorevole, una classe dirigente seria, preparata ed indipendente, una imprenditoria che imprenda e non si limiti a sfruttare piccole sacche di rendita.


Detto questo e registrato il fatto che non esistono le condizioni per una uscita dalla crisi grazie alle capacità allora il Governo dovrà tradire qualcuno. Potrà tradire i risparmiatori, dichiarando il default, potrà tradire il contratto che lo lega ai propri dipendenti, imponendo un taglio unilaterale delle retribuzioni, ma esisterebbe anche una terza ipotesi, il Governo potrebbe infatti tradire quella simpatica accozzaglia di evasori ed elusori fiscali, ricettatori e spacciatori che hanno goduto dello scudo fiscale per lavare la faccia a circa 90 miliardi di euro pagando appena il 5 per cento; a questo elitario club un Governo con gli attributi potrebbe chiedere e pretendere la dazione ulteriore di un altro 40 per cento, che in fondo è quanti si paga di imposte sui redditi elevati, incassando a vista un po’ meno di quarantina di miliardi, più che sufficienti per calmare i mercati ed incassarne forse altrettanti dalla riduzione dello spread.
In fondo se lo Stato si trova a dover tradire qualcuno dovrebbe cominciare proprio tradendo coloro i quali lo hanno messo in questa drammatica situazione.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]