Venerdì, 06 Gennaio 2017 12:04

Voucher, non demonizzare. Rappresentano solo lo 0,3%

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nel 2015, ultimo dato disponibile, l’incidenza delle ore lavorate con i voucher è stata pari ad appena lo 0,3 per cento del monte ore complessivo nazionale del lavoro dipendente.

Una percentuale, quella denunciata dall’Ufficio studi della CGIA,  insignificante che ridimensiona, dal punto di vista statistico, la demonizzazione alimentata in questi mesi  nei confronti dei voucher che da qualche anno disciplinano nel nostro Paese il lavoro occasionale e accessorio.

A fronte di 29 miliardi di ore lavorate nel 2015 da tutti i lavoratori dipendenti presenti in Italia, si stima che 1,3 milioni di persone circa siano state impiegate con i voucher per un numero di buoni-lavoro riscossi pari a 88 milioni  (*). Rapportando quest’ultimo importo al dato complessivo delle ore lavorate, emerge che l’incidenza dell’utilizzo dei voucher sul monte ore complessivo a livello nazionale è pari allo 0,31 per cento: sale allo 0,47 per cento nel Nordest, si allinea al dato medio nazionale nel Nordovest, scende allo 0,25 per cento nel Centro per attestarsi allo 0,21 per cento nel Mezzogiorno. 

====================

(*) quelli venduti, invece, ammontano a poco più di 115 milioni. Nei primi 9 mesi del 2016, invece, i voucher venduti hanno registrato un aumento del 34,6 per cento sul 2015. Il computo di quelli effettivamente riscossi per il 2016 non è ancora disponibile.

E come hanno ricordato nel comunicato congiunto del 28 dicembre scorso l’Istat, l’Inps e l’Inail, i quasi 88 milioni di voucher riscossi nel 2015 corrispondono  a circa 47.000 lavoratori annui (**) e rappresentano solo lo 0,23 per cento del costo del lavoro presente in Italia (vedi Tab. 1).

 “I voucher – afferma il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo - erano stati concepiti dal legislatore per far emergere i piccoli lavori in nero. Obbiettivo, purtroppo, fino a ora non raggiunto. Se in alcuni settori  è evidente che c’è stato un utilizzo del tutto ingiustificato di questo strumento, paradossalmente il fallimento dei voucher non è ascrivibile al loro abuso, ma,   al contrario, per essere stati utilizzati pochissimo in particolar modo al Sud, dove la disoccupazione è molto elevata e l’abusivismo e il sommerso hanno dimensioni molto preoccupanti. Eliminarli, quindi, sarebbe un errore. Vanno, invece, incentivati, limitandone l’utilizzo nei settori ad alto rischio infortunistico: come l’edilizia, i trasporti, il metalmeccanico e il legno”. 

I dati regionali, infatti, ci dicono che l’incidenza delle ore lavorate con i voucher sul monte ore complessivo  è nettamente inferiore alla media nazionale in Calabria (0,13 per cento), in Sicilia (0,12 per cento), nel Lazio e in Campania (entrambe allo 0,11 per cento). Regioni, queste ultime, che hanno un tasso di disoccupazione che in alcuni casi supera  il 20 per cento e un’incidenza dell’economia sommersa dovuta al lavoro irregolare sul valore aggiunto regionale pari al doppio del dato medio registrato nel Nord. Tra le realtà che ne hanno fatto un maggiore utilizzo, invece, segnaliamo il Friuli Venezia Giulia (0,60 per cento), le Marche (0,58 per cento), la Sardegna (0,49 per cento), l’Emila Romagna (0,47 per cento) e il Veneto (0,46 per cento) (vedi Tab. 2)

=======================

(**) importo ottenuto dividendo gli 88 milioni di voucher utilizzati nel 2015 per le 1.879 ore medie lavorate in un  anno da un lavoratore dipendente con un contratto di lavoro full-time. Va ricordato che nel 2015 gli utilizzatori dei voucher sono state circa 1.300.000.

Il 60,7 per cento dei buoni-lavoro utilizzati nel 2015 (pari a 53,4 milioni di tagliandi su un totale di 88 milioni di voucher riscossi) sono stati “consumati” dal terziario: in particolare nel settore degli alberghi-ristorazione (26,6 per cento del totale ), commercio (12,8 per cento) servizi alle imprese (7,7 per cento), servizi sociali (4,4 per cento), sanità (3,1 per cento) e trasporti (2,3 per cento). 

Nel settore manifatturiero, invece, l’incidenza sul totale delle ore lavorate ha toccato il 12,4 per cento (pari a 10,8 milioni di voucher riscossi). L’utilizzo più importante è stato registrato nel comparto metalmeccanico (4 per cento).

Decisamente più contenuto il ricorso ai buoni-lavoro realizzato dalle imprese del settore delle costruzioni (2,4 per cento del totale pari a 2,1 milioni di voucher) e dell’agricoltura (1,8 cento del totale pari a 1,5 milioni di buoni). Da non trascurare, infine, il ricorso ai voucher da parte di artigiani e commercianti senza dipendenti. Questi lavoratori indipendenti hanno utilizzato  4,8 milioni di buoni-lavoro (pari al 5,5 per cento del totale) (vedi Tab. 3).

“In attesa di conoscere i dati relativi agli effetti registrati dopo l’introduzione della tracciabilità – dichiara il segretario della CGIA Renato Mason – prima di riformare questo strumento è indispensabile che la politica adotti un sistema di rilevazione serio in grado di fotografare correttamente questa realtà. I risultati di questa nostra analisi sono nettamente in contrasto con le tesi sostenute da molti addetti ai lavori che vorrebbero eliminare definitivamente i voucher. Posizioni, purtroppo, che si basano  su pregiudizi  di carattere ideologico che con la realtà evidenziata dai numeri hanno poco a che fare”.

Questi 1,3 milioni di lavoratori che nel 2015 sono stati impiegati in  piccole attività occasionali con i voucher a che categorie appartengono ? Secondo i dati Inps-Veneto Lavoro, il 29 per cento (quasi 400.000) erano lavoratori occupati presso imprese private del settore non agricolo. Un altro 23 per cento era costituito da ex occupati (circa 320.000), mentre un 18 per cento (circa 250.000) era composto da persone percettrici di Aspi, MiniAspi o di Cig. Il 14 per cento era costituito da giovani (190.000), l’8 per cento, infine,  in entrambi i casi sia da pensionati (circa 110.000) sia da lavoratori domestici/autonomi (sempre circa 111.000).

Graf. 1 – Dinamica dei Voucher in Italia

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati INPS

Tab. 1 – Ore lavorate con i voucher: appena lo 0,3% del monte ore complessivo del lavoro dipendente 

I Voucher si utilizzano dove il mercato del lavoro funziona e dove c’è meno nero

Rank per inc.% ore lavorate con Voucher

Numero di
Voucher riscossi
(anno 2015)

Inc. % ore lavorate
con i Voucher
(su totale monte ore lavorate, anno 2015)

Tasso di disoccupazione
(anno 2015)

Economia sommersa dovuta al lavoro irregolare
(in % su valore aggiunto anno 2014)

Nord Est

30.013.660

0,47

7,3%

4,1%

Nord Ovest

26.805.196

0,31

8,6%

4,2%

Centro

15.367.980

0,25

10,6%

5,3%

Mezzogiorno

15.794.965

0,21

19,4%

8,1%

ITALIA

87.981.801

0,31

11,9%

5,3%

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati INPS e Istat

Tab. 2 – Incidenza % ore lavorate con i voucher (su totale monte ore lavorate dai dipendenti) e crescita voucher nel periodo 2013-2015

Rank per inc. % ore lavorate con Voucher

Numero di
Voucher riscossi
(anno 2015)

Var. % numero di Voucher ultimi 2 anni (2015/2013)

Inc. % ore lavorate
con i Voucher
(su totale monte ore lavorate, anno 2015)

Friuli-Venezia Giulia

3.939.619

+60,1

0,60

Marche

4.104.555

+174,3

0,58

Sardegna

3.155.191

+202,9

0,49

Emilia-Romagna

11.729.110

+170,6

0,47

Veneto

11.979.527

+131,9

0,46

Valle d'Aosta

308.074

+142,4

0,43

Liguria

3.132.765

+247,0

0,41

Umbria

1.460.697

+126,2

0,37

Trentino Alto Adige

2.365.404

-11,1

0,37

Molise

390.740

+178,2

0,35

Basilicata

693.201

+170,6

0,34

Toscana

6.289.448

+190,0

0,34

Abruzzo

1.962.609

+178,9

0,33

Piemonte

7.122.732

+118,2

0,33

Puglia

4.436.446

+281,6

0,30

Lombardia

16.241.625

+168,7

0,29

Calabria

909.459

+119,2

0,13

Sicilia

2.057.878

+181,7

0,12

Lazio

3.513.280

+94,7

0,11

Campania

2.189.441

+169,6

0,11

ITALIA

87.981.801

+142,1

0,31

       

Nord Est

30.013.660

+105,3

0,47

Nord Ovest

26.805.196

+159,3

0,31

Centro

15.367.980

+151,3

0,25

Mezzogiorno

15.794.965

+200,2

0,21

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati INPS

Tab. 3 – I voucher riscossi in Italia per settore 

Valori in unità e incidenza % su totale

SETTORI

Anno 2015

Inc. % su
totale Voucher

SETTORE TERZIARIO
(aziende private con dipendenti), di cui:

53.410.804

60,7

    Alberghi e ristoranti

23.441.169

26,6

    Commercio

11.248.768

12,8

    Servizi alle imprese, informatica

6.740.426

7,7

    Altri servizi sociali e personali (diversi da sanità, assistenziali)

3.863.294

4,4

    Sanità e e assistenza sociale

2.732.195

3,1

    Trasporti, comunicazioni

2.013.785

2,3

    Servizi alle famiglie

1.820.903

2,1

    Istruzione

1.247.980

1,4

   Attività finanziarie

302.284

0,3

SETTORE SECONDARIO
(aziende private con dipendenti), di cui:

10.871.756

12,4

    Metalmeccanico

3.498.366

4,0

    Alimentari, tabacco

3.171.560

3,6

    Altre industrie manifatturiere

1.621.087

1,8

    Tessile, abbigliamento e calzature

1.405.498

1,6

    Legno e mobilio

1.102.210

1,3

    Estrazione di minerali, energia, acqua e gas

73.035

0,1

COSTRUZIONI

2.153.756

2,4

SETTORE PRIMARIO

1.585.902

1,8

ARTIGIANI E COMMERCIANTI SENZA DIPENDENTI

4.819.516

5,5

Altre persone giuridiche non ripartite

10.115.029

11,5

Altre persone fisiche 

5.025.038

5,7

TOTALE VOUCHER 

87.981.801

100,0

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati INPS

NOTE

Il valore nominale di ogni singolo buono o voucher, è pari a 10 euro. Tale valore nominale è comprensivo della contribuzione a favore della Gestione separata INPS (convenzionalmente stabilita per questa tipologia lavorativa nell’aliquota del 13%), di quella in favore dell’INAIL (7%) e di una quota pari al 5% per la gestione del servizio.

C’è differenza tra Voucher venduti e Voucher riscossi (effettivamente utilizzati) dal momento che i Voucher venduti in un anno possono essere riscossi nell’anno stesso o in un periodo successivo mentre quelli riscossi in un anno possono essere stati acquistati negli stessi 12 mesi oppure in precedenza.

Read 1716 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]