Venerdì, 20 Gennaio 2017 11:06

Intercity Giorno e Intercity Notte

Scritto da

MIt, Mef e Trenitalia hanno firmato  il nuovo contratto per il servizio ferroviario “universale”

Il contratto avrà una durata decennale, con decorrenza dal 1° gennaio 2017 e scadenza il 31 dicembre 2026 e affida  la gestione dei  servizi  a Trenitalia in base a una procedura prevista dalle norme nazionali e comunitarie, dopo che il precedente contratto, scaduto nel 2014, era stato prorogato per due anni senza alcuna variazione di termini e condizioni e, novità importante,   lega il gestore al mantenimento di obiettivi ben precisi di puntualità, regolarità, pulizia più performanti del precedente e annesse penalità e premi  in relazione al raggiungimento di tali obiettivi.

 Il contratto 2017 – 2026 prevede l’effettuazione di 118 corse complessive di cui 108 quotidiane, 88 Intercity giorno e 20 Intercity Notte, alle quali si aggiungono 10 corse nei fine settimana, di cui sei Intercity giorno e quattro notte. Nel suo complesso l’offerta è pari a 25,1 milioni di chilometri-treno l’anno.

 Tra gli obiettivi ci sono anche il rinnovamento dei treni – entreranno infatti in flotta gli attuali Freccia Bianca – importanti investimenti in tecnologia e il costante adeguamento dell’offerta alla domanda. «Con questo nuovo contratto, spiega l'ad di Trenitalia, Barbara Morgante,  si apre un'era nuova e una nuova stagione per l'Intercity. Molto lavoro è stato fatto finora ma tantissimo ci sarà ancora da fare. Speriamo di non deludere  nessuno. Non sono previsti aumenti per ora. Ci tengo comunque a precisare  che le tariffe non sono decise da noi in maniera autonoma, ma dal Mit e che il prezzo pagato dal passeggero copre solo la metà dell’effettivo costo del servizio, mentre l’altra metà la mette il ministero. Con il nuovo contratto verranno garantiti più puntualità e flessibilità, una flotta migliore e un migliore servizio a bordo, con più personale viaggiante, minibar sulle tratte più lunghe e ambienti rinnovati».

«Il servizio Intercity era diventato la Cenerentola del servizio pubblico era un pò il figlio di nessuno e rischiava di perdere il 40% dei treni  – ha dichiarato  Graziano Delrio, ministro dei trasporti -. Con questo contratto abbiamo quindi evitato il taglio e, anzi, ampliato il servizio, incrementandolo di un 7%. Inoltre, mettiamo 100 milioni in più all’anno per 10 anni, il che vuol dire carrozze nuove, migliori servizi a bordo, pulizia, potenziamento delle tratte e nuovi collegamenti nelle zone più deboli del l'Italia. Sono circa 12 milioni le persone che utilizzano il servizio Intercity e lo Stato vuole investire su di loro, non solo sul regionale o sulle Frecce ma anche sul servizio Intercity perché riguarda tantissime persone che avranno a prezzi calmierati servizi nettamente migliori».

                          Antonella fiorito

                         

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]