Mercoledì, 16 Agosto 2017 12:51

Pil. La crisi non è affatto finita

Scritto da

ROMA - La crescita del Pil italiano nel secondo trimestre è sicuramente incoraggiante, ma la realtà è davanti ai nostri occhi e non va persa di vista: l'Italia rimane convalescente nonostante una congiuntura economica decisamente favorevole, e la sua performance resta ancora molto lontana da quella dei principali partner europei.

Piano, quindi, a festeggiare i nuovi dati. Lo afferma il Codacons in una nota. Prima ancora di esultare e gridare al ''miracolo'', infatti, è bene ricordare che l'Eurozona ha fatto registrare 17 trimestri consecutivi di crescita: dal 2013 a oggi l'economia nella zona-euro ha ricominciato a correre ma l'Italia ha approfittato solo parzialmente di questa circostanza positiva. Ecco perché serve molta cautela per parlare di ''fine della crisi'', e chi lo fa altera la realtà a suo piacimento: rispetto alla fase pre-recessione, nel 2008, il livello del Pil italiano resta abbondantemente inferiore (di oltre il 6%). Senza contare che l'Eurozona nel suo complesso continua a fare meglio di noi: l'economia dei principali partner europei dell'Italia corre a un ritmo ancora inavvicinabile per il Belpaese, e il gap che ci separa dalle maggiori economie del continente non accenna a ridursi, continua il Codacons. "Come al solito, adesso in tanti festeggiano questi dati, ma in pochi ricordano che l'Europa continua a fare molto meglio di noi - commenta il presidente del Codacons Carlo Rienzi-. Superare la palude dello 'zero-virgola' è sicuramente un segnale positivo, ma la strada per uscire definitivamente dalla crisi è ancora lunga e per niente garantita''. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Coaching Cafè

Il coaching per le aziende

Il Coaching per le organizzazioni è uno strumento che favorisce lo sviluppo e accelera i processi di cambiamento rivolti al miglioramento delle attività aziendali.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Dopo un 2016 deludente, il 2017 restituisce un quadro incoraggiante per l’indust…

La ripresa si è finalmente fatta strada e l’Italia – terzo produttore europeo – cresce ad un buon ritmo (+2,6% stimato per la chiusura dell’anno).  Il miglioramento emerge su più...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La chimica che respiri e il rischio cancerogeno

L’atmosfera urbana è caratterizzata dalla presenza di un insieme vasto ed eterogeneo, da un punto di vista chimico-fisico, di particelle aerodisperse di dimensioni comprese tra 0,005 e 100 μm, costituite...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077