Mercoledì, 03 Gennaio 2018 11:31

Gli italiani non credono più al posto fisso

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Ben tre lavoratori su quattro (il 74%), infatti, si sono ormai rassegnati all'idea che una carriera lineare portata avanti per tutta la vita lavorativa all'interno della stessa azienda o istituzione non esista piu'.

La provvisorieta' del posto di lavoro e' avvertita maggiormente dalle donne (77% contro il 70% degli uomini) e dai lavoratori piu' maturi (76% dei dipendenti nella fascia 45-67 anni, contro il 72% degli occupati fra i 18 e i 44 anni) e spinge gli ITALIANI a investire nella formazione continua per restare competitivi nel mercato del lavoro (91%), ad accettare una riduzione di stipendio pur di mantenere il posto (44%), o a prendere in considerazione l'idea di emigrare (59%) o di trasferirsi temporaneamente all'estero (60%) per trovare un impiego non disponibile in Italia. E' Un clima di generale accettazione dell'instabilita' che caratterizza l'evoluzione del mercato del lavoro degli ultimi anni quello che emerge in Italia dall'ultima edizione del Randstad Workmonitor, l'indagine trimestrale sul mondo del lavoro di Randstad, secondo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane, condotta in 33 Paesi del mondo su un campione di 400 lavoratori di eta' compresa fra 18 e 65 anni per ogni nazione.

"Gli ITALIANI hanno ormai preso consapevolezza della dinamicita' del mercato del lavoro - afferma Marco Ceresa, amministratore delegato di Randstad Italia -. Diverse sono le strategie messe in atto dai dipendenti per rispondere alle sfide della flessibilita': in modo trasversale, senza differenze generazionali o di genere gli ITALIANI sono fra i primi nel cercare una risposta di tipo propositivo. Dalla ricerca emerge, infatti, che ci sono lavoratori piu' combattivi che sentono di aver bisogno di una formazione continua e cercano di migliorare costantemente la propria competitivita' (il 91%, contro l'86% della media globale) e altri (il 59%) che sono disposti ad uscire dalla loro zona di comfort ed emigrare per trovare un lavoro non disponibile in Italia. Un segnale culturale e sociale sicuramente importante che vede i nostri lavoratori adottare un approccio piu' reattivo che contrasta l'accettazione dell'instabilita' del mercato, comunque, rilevata da una parte del campione".

Read 7807 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Musica. Note fuori le righe

Pazzie d’amore

Nel 1978 Claudio Scimone e i Solisti veneti presentarono a Verona, in occasione del trecentenario della nascita di Antonio Vivaldi, l’Orlando Furioso con un cast eccezionale.Tre dischi che fecero storia...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Chimica Analitica: innovazione continua a 360 gradi

Ben considerando ed attentamente valutando si può dire che in fondo la chimica, dalle origini e per molti anni, fu fortemente analitica, impegnata nell’acquisizione di conoscenze sul mondo inorganico e...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Pensioni. Quota 100 o “Soluzione Montecitorio”?

Ci si potrebbe quasi regolare l’orologio sul ciclo circadiano delle discussioni in tema di pensioni. Che rientrano in ballo ogni volta che si comincia a discutere di coperture, di fondi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077