Lunedì, 14 Maggio 2018 16:58

Impiegati pubblici in Italia. Talmente pochi da mettere a rischio la tenuta del sistema

Scritto da

Colpisce sempre la ormai macroscopica differenza tra la narrazione a proposito del Pubblico Impiego e la realtà descritta dai numeri 

A fronte infatti di un numero di dipendenti pubblici descritto come assolutamente eccessivo, una pletora, uno sterminato esercito gli aridi numeri ci dicono che l’Italia è un paese che ha molti meno dipendenti pubblici della media, così pochi da poter definire l’occupazione nella PA in Italia ‘anormalmente bassa’. 

Lo studio di ADAPT

ADAPT, che come si legge dal loro sito è “l’associazione senza fini di lucro, fondata da Marco Biagi nel 2000 per promuovere, in una ottica internazionale e comparata, studi e ricerche nell’ambito delle relazioni industriali e di lavoro”, ha diffuso uno studio sul pubblico impiego in Italia, soprattutto in rapporto a Paesi a noi simili o comunque confrontabili.

Oltre ad una parte relativa ai meri dati è presente una parte propositiva contenente una serie di proposte per affrontare la questione. Qui vedremo in breve la sola parte numerica.

Occupati nella PA 

Il numero di occupati nella PA per 1.000 abitanti vede ultima l’Italia con 48,9 occupati. In testa alla classifica  la Svezia, con 141 occupati per 1.000 abitanti. Seguono la Francia, 83,2. Al terzo posto il Regno Unito con 78. Al quarto gli USA con 70,9. Poi la Spagna, 60,5, la Grecia , 56,5 e la Germania con 52,5.

Il risultato per noi varia di poco, passiamo da ultimi a penultimi,  anche tenendo conto delle privatizzazioni effettuate nel nostro Paese negli scorsi o 

Inserendo infatti nel conteggio il numero degli occupati in settori tipicamente pubblici la classifica vede in testa gli USA con 179,9 occupati per ogni 1.000 abitanti.

A seguire la Svezia con 170,3, il Regno Unito con 151,5, la Germania con 134, la Francia con 133,3, la Spagna con 88,4, l’Italia con 81 e la Grecia con 78,2.

Il terzetto di coda solleva questioni

Inquietante il terzetto di coda. La trilogia Spagna, Grecia e Italia è infatti quella che ha pagato di più la crisi e secondo Adapt ci sarebbe un legame.

Se infatti paesi virtuosi in termini di tasso di disoccupazione avessero lo stesso rapporto di dipendenti pubblici che abbiamo noi il loro tasso di disoccupazione perderebbe ogni virtù e supererebbe di gran lunga l’ 11,7 per cento del Belpaese.

In particolare la Francia passerebbe dal 10,1 al 21,8 per cento.

La Germania passerebbe dal 4,1 al 14,6 per cento.

Il Regno Unito dal 4,8 al 18,5 per cento.

E quindi

La narrazione catastrofista si dimostra sempre più autolesionista, l’insistenza con cui si chiedono tagli al pubblico impiego rischia infatti di avere successo e di aggravare ancor più una situazione che sta già danneggiando il nostro Paese. E’ infatti colpa di chi fa informazione e non riesce a valorizzare i dati reali se resta ancora diffusa una idea ormai sconnessa dalla realtà sui numeri del Pubblico Impiego.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Musica. Note fuori le righe

Pazzie d’amore

Nel 1978 Claudio Scimone e i Solisti veneti presentarono a Verona, in occasione del trecentenario della nascita di Antonio Vivaldi, l’Orlando Furioso con un cast eccezionale.Tre dischi che fecero storia...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Chimica Analitica: innovazione continua a 360 gradi

Ben considerando ed attentamente valutando si può dire che in fondo la chimica, dalle origini e per molti anni, fu fortemente analitica, impegnata nell’acquisizione di conoscenze sul mondo inorganico e...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Pensioni. Quota 100 o “Soluzione Montecitorio”?

Ci si potrebbe quasi regolare l’orologio sul ciclo circadiano delle discussioni in tema di pensioni. Che rientrano in ballo ogni volta che si comincia a discutere di coperture, di fondi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077