Venerdì, 28 Settembre 2018 11:00

Leonardo: "La semplicita' per il dominio della complessita'"

Scritto da

"La semplicita' per il dominio della complessita'". E' l'iniziativa della Leonardo nell'ambito del Wired Next Fest, che si apre questa sera a Firenze. Domenica, l'Azienda offrira' un approfondimento sulle tecnologie piu' avanzate sviluppate nel proprio business di riferimento - tra cui le infrastrutture 'critiche', i Big Data, i sistemi per la gestione delle emergenze - allo scopo di fornire spunti di grande attualita' al dibattito al centro della manifestazione.

Per Leonardo la ricerca scientifica e l'innovazione sono elementi centrali di crescita: l'Azienda ha investito, nel 2017, circa 1,5 miliardi di euro in ricerca e sviluppo, pari a oltre il 13% dei ricavi, destinando a questa attivita' circa 9.000 risorse altamente specializzate: il 71% dei dipendenti di Leonardo - 45.000 in totale a livello internazionale - possiede un titolo di studi in materie scientifiche. 

L'Azienda ha sviluppato inoltre un solido network con enti di ricerca, universita', Pmi, in una strategia di Open Innovation, attivando collaborazioni con il 40% delle universita' italiane. Fulcro dell'intervento di Leonardo al Wired Next Fest - si legge in una nota - e' l'analisi del processo evolutivo della scienza e della tecnologia, caratterizzato da una ciclicita' nella quale, a situazioni di complessita', seguono percorsi di semplificazione che convergono su modelli o strumenti di gestione che aprono, a loro volta, a evoluzioni destinate nuovamente ad alimentare la complessita'. Leonardo, che opera in scenari di business estremamente complessi, e' quindi chiamata a sviluppare soluzioni orientate ad una semplicita' di gestione che consenta all'operatore e all'utilizzatore finale il dominio della complessita' e di conseguenza il raggiungimento di prestazioni ottimali. Si tratta di sistemi, come ad esempio quelli per il monitoraggio del territorio e delle infrastrutture critiche, in cui e' necessario elaborare un'enorme mole di dati provenienti da molte sorgenti eterogenee (i cosiddetti Big Data), eseguendo analisi predittive che permettano all'utente il monitoraggio continuo e interventi di manutenzione preventiva adeguate. Ma e' anche il caso delle piattaforme complesse, ossia i moderni velivoli ad ala fissa o ad ala rotante, in cui l'elaborazione in tempo reale dei dati prodotti dai sensori e dagli apparati di bordo consente di supportare efficacemente il pilota nei momenti decisivi della missione. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Leggere i dati sull’economia. Perché un aumento della disoccupazione può essere …

I dati Istat sull’occupazione pubblicati oggi vanno letti e compresi con particolare attenzione. Nonostante un piccolo aumento dei disoccupati sono infatti dati leggermente positivi, è solo necessario approfondirne i contenuti. 

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077