Mercoledì, 24 Agosto 2011 17:01

Rimini. I bagnini di salvataggio pronti a scioperare il 27 e 28 agosto

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

RIMINI - Bagnini contro marinai di salvataggio sulla ancora affollata costa riminese: la vertenza va avanti e anche la Provincia ha gettato la spugna. Sempre più vicino e probabile lo sciopero del 27 e 28 agosto. È la nuova puntata del conflitto contrattuale che ha caratterizzato la stagione riminese: da un parte i marinai di salvataggio che chiedono un adeguamento contrattuale intorno ai 40 euro; dall'altra una larga fetta dei gestori dei bagni, quelli rappresentati dalla cooperativa Oasi Confartigianato, che fa muro.

Lo sciopero del 14 agosto, pur generando multe e ricorsi, non ha prodotto gli effetti sperati dalla Cgil che tiene le fila della protesta. L'astensione pensata per domenica 21 è stata spostata in avanti in omaggio alla presenza del presidente Napolitano, quel giorno in città, ma lo sciopero per sabato 27 e domenica 28 è sempre più probabile. Due giorni fa c'è stata una lettera aperta dei marinai inviata personalmente ad ogni bagnino, redatta con toni pacati, nel tentativo di bypassare la linea dura di Oasi, individuata dai salvataggi come oppositrice aldilà della reale volontà dei suoi stessi rappresentati. Niente di fatto anche qui. Le istituzioni stanno provando da mesi a fare da mediatori, ma con scarsi risultati. La riprova è venuta dal forfait annunciato dall'Amministrazione provinciale, che ha formalmente comunicato a prefetto e sindaci dei cinque Comuni della costa, oltre che a Filcams Cgil, l'indisponibilità di Oasi Confartigianato a riattivare il tavolo contrattuale per scongiurare ulteriori astensioni dal lavoro. Quello della Provincia di Rimini, su richiesta del sindacato, era un ultimo tentativo - dopo quello non andato a buon fine nei giorni scorsi da parte della Prefettura - per cercare un punto di possibile mediazione in modo da evitare disagi a residenti e turisti. «Purtroppo - ha spiegato la Provincia - si deve registrare l'indisponibilità di una delle due parti a confrontarsi sino in fondo per individuare una soluzione in extremis su una problematica aperta da tre anni, periodicamente foriera di sgradevoli polemiche specie durante la stagione estiva, peraltro già risolta positivamente da alcune associazioni di categoria. Comunque, un'occasione persa».

Read 3167 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: m[email protected]