Martedì, 04 Ottobre 2011 19:49

Crisi. Quanto ci costa risparmiare sugli aiuti

Scritto da

ROMA - Torna alla ribalta il dossier Grecia e trascina nell’inferno della crisi anche la Dexia, grossa banca franco-belga-lussemburghese.

Il braccio di ferro tra la trimurti, la troika dei tecnici di Commissione europea, Bce e Fondo monetario internazionale, che continua a fare richieste sempre più pressanti ed il premier greco George Papandreou si sta facendo sempre più serrato. Dopo l’annuncio dello scorso week end da parte di Atene, che ha avvertito che a causa della gravità della recessione economica non sarà in grado di centrare pienamente gli obiettivi di risanamento dei conti su 2011 e 2012, e visto che le misure già adottate dalla Grecia stanno avendo un tale effetto depressivo sull’economia ellenica da contribuire in misura molto inferiore al risanamento di quanto qualcuno s’attendesse, oggi il governo greco ha annunciato che non accederà alle richieste della troika, che ha chiesto di rivedere i contratti collettivi nazionali nel settore privato, in particolare per abolire i livelli di salario minimi. Sulla questione il premier avrebbe dichiarato che si rifiuta di trasformare il suo paese nell’India d’Europa.

Tale riduzione dei diritti dei lavoratori avrebbe come contropartita l’erogazione della ulteriore tranche di finanziamento da 8 miliardi di euro, senza la quale il paese avrebbe fondi per onorare i propri impegni, pensioni e stipendi, fino alla metà di novembre.
Ma sul ritardo nella emissione degli aiuti, la posizione dura della troika deprime i mercati finanziari che temono di veder lievitare i costi per le banche nel salvataggio della Grecia.
La prima a farne le spese oggi è la Dexia che chiude la giornata borsistica con un meno 22% che fa seguito al meno 10 di ieri, mentre le borse europee in generale perdono oltre 160 miliardi di euro.

E mentre il presidente della Bce Jean-Claude Trichet nel suo intervento al Parlamento Ue dichiara che l’Europa è l’epicentro della crisi e per questo è necessario restare lucidi il numero della Fed, Ben Bernanke sottolinea come “L'esposizione diretta delle banche statunitensi verso la Grecia e' minima. Ma un default non organizzato di questo Paese potrebbe scatenare il panico sul mercato dei titoli pubblici, provocare il cedimento di altri Paesi e nuove tensioni sulle banche europee, creando una instabilita' sui mercati finanziari mondiali che avrebbe effetti considerevoli” anche sull’economia statunitense.
Dalle nostre parti intanto il nostro Ministro Tremonti fa una dichiarazione con cui concordo in toto, spiegando che la Spagna al momento paga uno spread inferiore in quanto "Il caso della Spagna dipende anche dall'annuncio di nuove elezioni che di per se' e' una prospettiva di cambiamento e quindi un'apertura al futuro".
Una presa di coscienza che un nuovo governo ed una nuova maggioranza potrebbero trovare la forza per salvare il Paese?

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]