Martedì, 01 Novembre 2011 09:00

Costruirsi una pensione integrativa - Capitolo 1

Scritto da

Piccolo manuale per la costruzione di un pensionamento migliore


Capitolo 1 - Perché farlo?

E soprattutto la domanda più interessante, perché farlo ora?
Sul perché farlo c’è poco da dire, il tenore di vita dei futuri pensionati si baserà su tre pilastri. La pensione
obbligatoria, quella cioè che deriva dal versamento dei contributi obbligatori per legge agli Enti previdenziali (I principali Enti Previdenziali sono l’INPS che si occupa principalmente dei lavoratori privati e l’INPDAP che invece si occupa dei lavoratori pubblici) costituisce il primo pilastro della previdenza. ,
Considerato però che in seguito ai fantasiosi tagli ed alle grosse riforme che hanno accompagnato gli ultimi anni della nostra Repubblica la pensione obbligatoria con ogni probabilità non assicurerà da sola un adeguato tenore di vita, i lavoratori possono scegliere di destinare una parte del proprio risparmio alla costruzione di una rendita aggiuntiva.
Questi versamenti aggiuntivi possono essere indirizzati verso il mondo delle forme pensionistiche complementari sottoposte alla vigilanza della COVIP ed assoggettate a costi spesso significativi o utilizzati in forma del tutto autonoma. All’interno delle forme vigilate si distinguono in due categorie: i fondi pensione e i piani pensionistici individuali (PIP).
I fondi pensione costituiscono il secondo pilastro della previdenza e sono istituiti da banche, assicurazioni, SGR e SIM, tutte società che fanno questo a scopo di lucro, ed in particolare con lo scopo di avere loro un lucro.
I fondi possono essere chiusi o aperti. Ai fondi chiusi possono iscriversi solo i lavoratori che soddisfano determinate condizioni o appartengono ad una determinata categoria, ad esempio siano dipendenti di una particolare azienda, svolgano un certo tipo di lavoro.


Ai fondi aperti, invece, può iscriversi chiunque.
I PIP costituiscono il terzo pilastro della previdenza e si realizzano mediante polizze assicurative ovvero con contratti di assicurazione sulla vita a scopo previdenziale che si stipulano con società assicuratrici operanti a scopo di lucro e nel proprio interesse.
Quello che cercheremo di analizzare in questo scritto sarà la possibilità di costruirsi un pensionamento migliore sia sfruttando logiche tipiche del terzo pilastro, ma senza arricchire le società di assicurazione, e sia utilizzando approcci alternativi.
In realtà cominciare a pensare alla pensione comporta una complessiva presa di coscienza della propria situazione reddituale e sociale. Nel cominciare a pianificare il pensionamento ci si rende conto di tutta una serie di aspetti della propria vita economica e finanziaria, intesa come rapporto tra noi e i nostri soldi, che abbiamo sottovalutato finora e che possiamo risolvere, spesso in maniera agevole.
Cominciare ora, qualunque sia la nostra età, ci consentirà di mettere a disposizione del nostro pensionamento più risorse in un futuro che tutti tendiamo a vedere lontano. Ma cominciare ora significherà liberare delle risorse oggi per poter cominciare a vivere meglio da oggi pur continuando a progettare il futuro pensionamento.
La costruzione di una pensione integrativa comincia infatti da una ricognizione e da una “semplificazione” di quello che c’è. Spesso già una prima semplificazione di certi nostri comportamenti assicura un buon ritorno economico, sufficiente a migliorare il nostro tenore di vita, attuale o atteso per il periodo della pensione.
Vedremo cosa, come e perché conviene semplificare.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Coaching Cafè

Networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cos…

Non solo coaching: networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cose”. Appartenere ad una rete di contatti, costituisce oggi la base per molte delle nostre...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Racconto di mezz’estate: Lago di Bracciano, Loch Ness di Virginia

Che fine ha fatto quello spicchio di riviera che dal largo appariva come quinta verde di un teatro che inscenasse una favola di fate e gnomi? L’ha ingoiato il lago...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Bruno Trentin e il coraggio dell'impopolarità

Se ne è andato dieci anni fa, con la furia di un ragazzo: la stessa con la quale, del resto, aveva sempre vissuto e affrontato la sua avventura di sindacalista...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208