Lunedì, 23 Gennaio 2012 20:52

Argol, inizia il conto alla rovescia per 76 lavoratori

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Roma- Inizia il conto alla rovescia per i 76 lavoratori di Argol spa che al 31 di gennaio saranno licenziati. Questo pomeriggio si è tenuto l’incontro tra le organizzazioni sindacali e la giunta Polverini.

“La vertenza Argol potrà avere una soluzione positiva solo con il contributo di tutte le parti coinvolte. Per questo motivo l'incontro odierno è stato aggiornato a breve, per dare la possibilità ad Argol, Alitalia ed Enac di definire un percorso per i 76 dipendenti di Fiumicino che rischiano di perdere il posto di lavoro. È quanto dichiara in una nota, l'assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, Mariella Zezza, al termine del tavolo convocato in Regione per la vertenza Argol. La possibilità di attivare ogni iniziativa regionale utile - spiega Zezza - deriva inevitabilmente da una precedente intesa tra tutti i soggetti coinvolti. La Giunta Polverini, come è stato assicurato direttamente ai lavoratori, è pronta a fare la sua parte e a favorire un dialogo costruttivo per ridurre al minimo l'impatto sociale di questa vertenza".

Intanto all’aeroporto di Fiumicino continua il presidio permanente dei lavoratori della società Argol, che per contestare i prossimi licenziamenti, a fine mese scade il contratto di lavoro con Alitalia e non sarà rinnovato, si sono arrampicati su una gru appoggiata all’Avio 6, l’hangar della verniciatura. Da otto giorni all’addiaccio, sospesi a metri d’altezza ‘gridano’ la loro disperazione.

Il paradosso di tutta questa vicenda è che se da una parte si parla di ampliamento del sedime aeroportuale e previsione d’incremento del traffico passeggeri, dall’altra si permette il licenziamento di 76 persone, che con la clausola sociale potrebbero essere assorbite da Alitalia CAI nell’internalizzazione del servizio. A questo va aggiunta la denuncia dei sindacati che affermano che tale servizio verrebbe svolto da personale precario.

La questione, in tempi di crisi, appare ancora più pericolosa poiché se oltre alle aziende in crisi che aprono procedure di cassa integrazione e mobilità, anche quelle in fase di sviluppo licenziano, si rischia d’innescare una spirale distruttiva cui nessuno potrà porre fine.

Read 2824 times Last modified on Martedì, 24 Gennaio 2012 00:08

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]