Giovedì, 09 Febbraio 2012 16:42

Tra evasione Ryanair e dimissioni di Sabelli. Usb:"Due facce di un istema che non funziona"

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - "I circa 12 milioni di Euro di evasione contributiva contestati a RyanAir dalla Direzione Provinciale del Lavoro di Bergamo sono tutt'altro che una sorpresa per l’Unione Sindacale di Base.

Da anni, infatti, USB deposita denunce e ricorsi, presso gli Ispettorati del Lavoro e presso le Procure delle città dove la compagnia di O'Leary ha le proprie basi, per segnalare l'evidente irregolarità di chi impiega quotidianamente centinaia di persone sul suolo italiano senza versare una lira di tasse e contributi al nostro Stato." E' quanto sostiene in una nota L'Unione Sindacale di Base.

"Una pratica di depredazione del lavoro, - precisa l'USB -  del settore e del territorio che Ryan Air porta avanti da anni, non solo indisturbata, ma ricevendo addirittura ampi sussidi da parte delle società di gestione a partecipazione statale. Sarebbe dunque auspicabile che dopo Bergamo ci si attivi anche a Roma, Pisa,  Bari e in tutte le città nei cui aeroporti continuano a lavorare gli “equipaggi fantasma” e nelle cui procure sono ferme da anni le segnalazioni presentate da USB. Sullo stato del settore la dice lunga il fatto che neanche Alitalia/Cai, nonostante abbia rilevato a prezzi di saldo solo la parte buona della vecchia Compagnia e abbia ricevuto un ampio ventaglio di aiuti e sostegni, navighi in buone acque. Le prime dichiarazioni con cui l’AD Rocco Sabelli annuncia le proprie dimissioni, confermano il bisogno di regole valide per tutti, l'assoluta necessità di ridiscutere un sistema aeroportuale più efficiente e che “piccolo” non è affatto bello, anzi, è si è dimostrato dannoso per il settore e per il Paese."

USB, che da anni denuncia la mancanza di una strategia nazionale, i deficit strutturali, gli aeroporti nati come funghi, il ridimensionamento coatto imposto alle poche grandi aziende, i sovvenzionamenti selvaggi alle low cost, propone di rimettere all’ordine del giorno una riforma del settore, che non può prescindere dalle migliaia di posti di lavoro persi e dai diritti cancellati a chi ancora lavora, dovuti a scelte imprenditoriali, sia pubbliche che private, miopi e dannose.

Read 3229 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]