Mercoledì, 03 Novembre 2010 18:41

Cig per Pomigliano. La Fiom non firma

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - E’ successo qualcosa negli ultimi mesi, qualcosa che preoccupa così tanto la Fiom da spingerla a non firmare l’accordo per la Cassa Integrazione guadagni in deroga per lo stabilimento auto Fiat di Pomogliano d’Arco.
Ciò che preoccupa la Fiom è la modifica della richiesta da parte del Lingotto e la modifica del piano industriale per lo stabilimento.


Ad affermarlo è Giorgio Airaudo, segretario nazionale e responsabile auto della Fiom-Cgil che sottolinea come :” l'accordo separato del 15 giugno scorso contemplava, al punto 9, il ricorso alla Cassa integrazione guadagni straordinaria per ristrutturazione” in questo modo, secondo l'organizzazione sindacale, non ci sarebbe garanzia sul futuro degli operai.
Preoccupa inoltre l’annuncio che “la 'Futura Panda' sara' prodotta a Pomigliano non dall'attuale stabilimento auto denominato 'Giambattista Vico', ma dalla newco denominata Fabbrica Italia Pomigliano."
Secondo Airaudo "Questa novita', cosi' ufficializzata, induce in noi il timore che la Fiat si proponga di seguire uno schema che ricordi in qualche modo la vicenda Alitalia, in cui vi sia da un lato una bad company senza prodotti e senza lavoro e, dall'altro, una new company che sia destinata ad assorbire non totalmente gli attuali dipendenti”.


Sulla modifica di causale per la richiesta di Cig, vale a dire da straordinaria per ristrutturazione a Cig in deroga Augustin Breda dirigente della Cgil e Coordinatore nazionale della Fiom area lavoro societa' ha illustrato come mentre la Cig, sia straordinaria che ordinaria, è a carico delle imprese e dai lavoratori, con una apposita contribuzione versata all'Inps, che e' ente erogatore quella in deroga è “pagata dalla collettivita' e viene per questo inserita con appositi capitoli di spesa nella finanziaria pesando di conseguenza sulla fiscalita' generale”.
La conclusione del dirigente Fiom è quindi che “la decisione di Marchionne di chiedere la cassa in deroga alla Fiat di Pomigliano e' in netta contraddizione con le sue affermazioni di non chiedere soldi ai cittadini e allo stato italiano.”. Marchionne quindi, chiede aiuti di Stato'

Read 414 times
Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]