Giovedì, 03 Marzo 2011 15:56

Crisi. La Cgil proclama lo sciopero per il 6 maggio. "L'economia non è ripartita"

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA -  Lo sciopero generale della Cgil sarà il 6 maggio. Lo ha annunciato il segretario generale Susanna Camusso, parlando all'attivo dei delegati di Modena.

"La Cgil deve essere quel filo - ha detto la Camusso - per cui la nostra mobilitazione tiene aperta la speranza: ogni volta che l'allarghiamo abbiamo rotto un pezzetto di quell'individualismo. Un'organizzazione come la nostra deve immaginare la sua mobilitazione in un tempo lungo. Ma anche in un tempo che è ogni giorno nel rapporto su cosa può succedere col governo, sulla campagna sulla democrazia, nell'idea che sui valori della costituzione, della democrazia, della scuola chiamiamo altri insieme a noi. Non conosco nessun altro modo per farlo che andare giorno per giorno a fare assemblee e ricostruire la motivazione, provare a discutere anche con chi è iscritto a Cisl e Uil. Per questo serve una straordinaria campagna di assemblee nei luoghi di lavoro in vista dello sciopero generale che sarà il 6 maggio".

La Camusso ha voluto ricordare anche il fenomeno della cassa integrazione, aumentato nel mese di febbraio. "Un segnale  evidente - ha precisato - che l'economia non è ripartita. Un segnale di  incertezza  e  difficoltà . Poi ha aggiunto: "Quel pezzo di attività industriale che si è consolidata si era già consolidata l'anno scorso. L'errore che questo governo fa continuamente è stato quello di assumere un rimbalzo tecnico come quello che c'è stato a gennaio come se fosse il cambiamento. Vedo che l'errore continua perchè il ministro del lavoro sta dicendo che c'è la rioccupazione: io lo inviterei a studiarsi meglio i numeri, visto che siamo a disoccupazione crescente e a cassa integrazione crescente". Secondo la Camusso è poi preoccupante  l'articolazione di questa cassa integrazione: "va riducendosi quella ordinaria, che è legata all'idea che c'è una prospettiva, e cresce invece quella in deroga e quella straordinaria, quella cioè che indica una difficoltà e una debolezza strutturale che in un Paese come il nostro, fatto molto di piccole e medie imprese, rappresenta un segnale di incertezza verso il futuro".

Read 418 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]