×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/dazebaonews.it/httpdocs/images/alitalia

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/alitalia

Sabato, 28 Maggio 2011 10:44

Alitalia, tra cassaintegrati e precari. La solitudine dei numeri primi. LE FOTO

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Esiste una realtà nuova, frutto della società moderna e di una crisi che attanaglia l'economia. Una realtà fatta d’individui, di quaranta, cinquanta anni, che hanno perso il lavoro, ma sono troppo vecchi per essere ricollocati e troppo giovani per andare in pensione.


Queste persone, siano esse precarie o cassaintegrate, sono considerate dal sistema, come scampoli della società. E, come pezzi di stoffa avanzata qualcuno preferirebbe vederli riposti in un cassetto, in attesa. 

Il sentire dominante, di questi uomini e donne non è solo la paura e la rassegnazione, dati dall’incertezza del futuro. Ma, esiste anche un altro sentimento, è l'orgoglio di non accettare l'etichetta di scampolo, che la società gli ha affibbiato, nella sua totale indifferenza.
Ieri, al Teatro del Lido di Ostia, i Cassa integrati  e i Precari di Alitalia ne hanno dato un chiaro esempio. Il piccolo Teatro era gremito di lavoratori, piloti, assistenti di volo, personale di terra, convocati in assemblea dal comitato Overbooked. Decisi a chiedere a Governo ed Istituzioni, attenzione ma soprattutto, lavoro e giustizia.
Quella dei lavoratori ex Alitalia è una realtà, molto spesso, dimenticata dall’opinione pubblica, dall’informazione, ma anche e soprattutto da governo ed istituzioni.
Ricordiamo che sono migliaia i lavoratori che nel fallimento di Alitalia hanno perso il lavoro, molti di questi, erano precari senza futuro.  Tra i cassa integrati, un numero elevato, allo scadere della cassa integrazione, non raggiungerà i requisiti per accedere alla pensione. E’ importante ricordare che nell’ operazione del fallimento di Alitalia, restarono a casa molti lavoratori con carichi familiari e situazioni difficili.
In questi giorni si è avuta la notizia che la CAI, sta assumendo a tempo determinato, dei nuovi assistenti di volo appena usciti dai corsi di addestramento, non curante delle persone in cassa integrazione e neanche dei precari di lungo corso.
In assemblea, il sentimento più forte che si percepiva, nel piccolo teatro, tra i lavoratori, era l’indignazione. Rabbia, ma anche tristezza per aver fatto da modello da utilizzare nelle vertenze che sono seguite, Fiat ed Eutelia, ne sono un chiaro esempio.
L’ assemblea aveva come obiettivo di richiedere un intervento politico su dei punti essenziali.
Primo, fra tutti, la richiesta del rispetto degli accordi presi riguardo al numero di assunzioni da fare.

Ai fini della trasparenza, una lista di anzianità aziendale, sia per il personale precario, che per i cigs, di terra e di volo, in virtù delle prossime, possibili, chiamate in CAI.
La necessità di creare delle graduatorie regionali o provinciali di accesso al lavoro, presso Enti o aziende che aderiscono ad accordi e patti.
Lo sblocco dei fondi FSE da parte della Regione Lazio nei confronti della Provincia di Roma per l’attuazione del progetto di riqualificazione professionale che era avvenuto in una prima fase ma che si è bloccato.

Il sostegno a progetti di lavoro individuali e collettivi.
All’ assemblea hanno  partecipato esponenti di SEL, IDV e  PRC- FDS.  Tra i sindacati che sono intervenuti, USB e Cub. Presente anche una delegazione del Gruppo 17 marzo, composto da precari Alitalia. Il Direttivo del gruppo ha posto l’accento sulla necessità di una lista di anzianità aziendale. Ribadendo, l’ urgenza  di bloccare i corsi di addestramento a nuovi assistenti di volo da assumere a tempo determinato, finalizzando cosi le assunzioni al bacino di cassa integrati e precari già presenti.
Progetti, dunque, diretti al lavoro e alla riqualificazione professionale.
Un risultato importante, che si è distinto da quest’incontro, è quello di ridare una speranza ma soprattutto delle prospettive ai tanti lavoratori che si sentono soli. Abbandonati dalla politica e dimenticati dalla societa.

Foto di Aldo Feroce

{gallery}alitalia{/gallery}

Read 688 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]