Venerdì, 20 Gennaio 2012 11:30

27 gennaio. Sciopero generale: più importate, motivato e decisivo che mai

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Tomaselli:"Altro che riforma. E' la fine del diritto al lavoro"


ROMA -  “Nell'ambito delle misure del Governo sul mercato del lavoro, e nonostante le fumose enunciazioni che provengono da più parti, di fatto si fa sempre più certo l'aumento della precarietà”, afferma Fabrizio Tomaselli, dell’Esecutivo nazionale USB. L'ipotesi che si prospetta -  evidenzia Tomaselli - è quella di un contratto di entrata di 3 anni durante i quali i diritti, compreso l'art. 18, vengono soppressi e/o drasticamente limitati e, più in generale, la libertà dell'azienda di licenziare è condizionata soltanto al pagamento di alcune mensilità.  In pratica si tratta di un abnorme allungamento del periodo di prova, nel quale il lavoratore si trova appeso ad un filo, sempre sotto ricatto e nell'assoluta impossibilità di far valere i propri diritti e rivendicare migliori condizioni. Chi avrà il coraggio di scioperare se il padrone può licenziare in qualsiasi momento?- si interroga il dirigente USB ed incalza- Ma il paradosso dei paradossi è che questo contratto di entrata, cioè questo apprendistato/prova di tre anni, si sommerà alle altre forme di precarietà, che non verranno eliminate, se non qualche tipologia che non è mai stata realmente applicata, creando così un esercito di lavoratori senza diritti e con il ricatto costante del licenziamento e della disoccupazione. Di riforma di ammortizzatori sociali se ne parla tanto – aggiunge Tomaselli -  ma non c'è uno straccio di notizia in merito ai finanziamenti, facendo così subodorare un ennesima presa in giro anche su questo tema.


Il dirigente sindacale conclude con una riflessione: “Questa sarebbe la mediazione che il Governo, Cgil, Cisl, Uil, Ugl e i partiti della ‘grande ammucchiata’ in parlamento stanno partorendo ai danni dei lavoratori. Senza parlare poi dell'applicazione dell'Accordo di Confindustria e  Cgil, Cisl, Uil e Ugl del 28 giugno scorso, che ha aperto la strada all'art. 8 della manovra di agosto e che preannuncia la morte del Contratto Nazionale e del diritto alla democrazia sindacale, consolidando così il monopolio concesso ai sindacati che ‘collaborano’. Anche a fronte di queste notizie, lo sciopero generale del 27 gennaio è ora più importante, motivato e decisivo che mai”.

GUARDA LO SPOT

Read 465 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]