TRIESTE - Settimana positiva, quella appena trascorsa, per i mercati che “sentono” arrivare la ripresa, soprattutto nell’Eurozona (l'insieme degli stati membri dell’Unione Europea che adottano l’euro come valuta ufficiale) dove i dati macroeconomici sembrano indicare un cambio di tendenza, con gli ordini all’industria in crescita e la fiducia espressa dai direttori acquisti delle imprese private e la confidence di consumatori e imprenditori in miglioramento.

TRIESTE - Nouriel Roubini, economista e docente della New York University divenuto celebre per le sue previsioni sul manifestarsi della crisi finanziaria globale puntualmente verificatasi due anni dopo, invita a non farsi troppe illusioni sul contributo alla crescita mondiale ed alla ripresa dell’Europa da parte degli USA: «Il problema è che se l'America si muove ancora lentamente, l'Europa è ferma e resta sull'orlo di una recessione diffusa. (..) Il quadro complessivo è molto preoccupante».

TRIESTE - Complice il periodo estivo, la settimana di Borsa compresa tra il 22 e il 26 luglio non ha riservato particolari sorprese riconfermando la tendenza ad una contenuta volatilità, i cui effetti non hanno impedito al FTSE Mib, principale e più significativo indice di Piazza Affari, di conseguire nel corso dell’ottava un progresso dell’1,84%, tale da riportare su valori positivi (+0,91%) anche la performance da inizio anno.

TRIESTE -  Ennesima settimana di Borsa con pochi spunti macroeconomici di rilievo e mercati finanziari ancora dominati dall’incertezza, che ne influenza le dinamiche di breve e medio periodo: la moderata crescita degli Stati Uniti, la recessione dell’area Euro, le politiche espansive di tutte le banche centrali e l’assenza di pressioni significative sui prezzi al consumo tratteggiano un moderato rallentamento della crescita correlato al consolidamento delle strutture economiche.

TRIESTE -  L’ottava di Borsa conclusasi lo scorso venerdì con il secondo rally consecutivo di Piazza Affari in altrettante sedute ha portato il FTSE Mib, il più significativo indice di Borsa Italiana, ad un incremento di periodo del 4,5% che, a sua volta, ha ridotto il disavanzo da inizio anno allo 0,92%.

TRIESTE - Prosegue la fase di incertezza dei mercati all’insegna di quella volatilità che, per gli operatori, è anche sinonimo di preoccupazione: per le scelte di investimento così come per il clima politico.

TRIESTE - Dopo l’inatteso taglio del rating sul debito sovrano dell’Italia praticato dall’agenzia Standard & Poor’s, peraltro accompagnato da analoghe azioni sui nostri principali istituti di credito (Mediobanca, Unicredit, Intesa SanPaolo) con una solerzia ammirevole ma per certi versi sospetta, non stupisce come nel periodo compreso tra l’8 ed il 12 luglio il FTSE Mib, l’indice azionario che comprende le 40 società a maggior capitalizzazione quotate sui mercati gestiti da Borsa Italiana, abbia registrato un calo dello 0,66%, portando il ribasso complessivo da inizio anno al 5,18%.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077