Venerdì, 21 Dicembre 2012 17:39

I timori per la profezia Maya frenano il rimbalzo di Piazza Affari

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TRIESTE - La fase di mercato alla quale stiamo assistendo è dominata dai “timori” in senso lato, che generano ed alimentano un’indecisione a sua volta responsabile di dinamiche poco chiare, caratterizzate da brusche ed improvvise oscillazioni da un segno al suo opposto.

In balia dei sentimenti che inevitabilmente incidono sulle scelte alla base dei processi di compravendita le Borse, per loro definizione luoghi d’incontro tra una domanda ed un’offerta disciplinate da rigidissime regole, riflettono con il loro andamento l’umana mutevolezza ed i timori che l’accompagnano, ivi compresi i catastrofismi da fine del mondo che, per gli investitori globali, si concretizzano nello stop delle trattative tra Democratici e Repubblicani per evitare il “fiscal cliff” (baratro fiscale) negli Stati Uniti.


Così, dopo un’intera settimana trascorsa all’insegna della positività, guidata dalle performances dei bancari a ben otto sedute consecutive al rialzo, oggi Piazza Affari ha segnato il passo sin dall’apertura, timorosa che i dati sulla salute dell’economia a stelle e strisce previsti per la giornata odierna possano vanificare la ripresa americana, frenando di rimbalzo anche le Borse del Vecchio continente.
Ai positivi dati comunicati dal Dipartimento del Commercio USA riguardanti l’aumento dei redditi e delle spese degli Americani, degli ordini dei beni durevoli e del miglioramento dell’indice sulla fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan, si sono però contrapposti il calo delle contrattazioni a Wall Street (Dow Jones Industrial -0,82%, Nasdaq -1,07%) e le vendite sui bancari a Milano, con Montepaschi in forte caduta sulle perplessità espresse dalla BCE (Banca Centrale Europea) sui termini dell’annunciata emissione di “Monti Bond”; male anche Unicredit ed Intesa SanPaolo.
Torna a crescere lo spread tra il Btp ed il Bund con scadenza a dieci anni, con la differenza di rendimento tra il titolo italiano (Btp novembre 2022) e quello tedesco che è salita a 310 Bp (Basis point, punti base) rispetto ai 300 della chiusura di ieri; il rendimento del decennale si è così riportato prossimo al 4,5%, con un aumento anche dello spread tra i titoli con scadenza a due anni, ora all’1,9%.

Read 1367 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]