Sabato, 09 Febbraio 2013 16:20

Inchieste e correzioni di mercato mandano in rosso Piazza Affari

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TRIESTE - Settimana contrastata per i listini asiatici, che nel mese di gennaio hanno registrato dati sul commercio cinese migliori delle stime - che si rifletteranno positivamente anche sulle aziende del Vecchio Continente che lavorano con questo paese - mentre il rally realizzato da novembre a gennaio dalla Borsa giapponese è stato importante per i riposizionamenti che potrebbero verificarsi nelle prossime settimane, anche se qualsiasi tensione sui mercati esteri o trimestrale deludente potrebbe far scattare prese di profitto da parte degli investitori.


Anche tra gli operatori a stelle e strisce è tornata la fiducia dopo la pubblicazione del dato relativo al deficit commerciale Usa, sceso inaspettatamente a dicembre segnando la contrazione maggiore in quasi quattro anni grazie al calo delle importazioni di petrolio, attestatesi al livello più basso dell’ultimo decennio.
Nessuna sorpresa dalle riunioni di giovedì scorso di Bank of England e BCE (Banca Centrale Europea) che non hanno mutato la loro politica monetaria riconfermando i tassi di interesse: fermo allo 0,5% stabilito nel marzo 2009 il saggio di riferimento inglese, consolidato allo 0,75% quello dell’Eurozona.


Nel corso della consueta conferenza stampa a commento delle decisioni il numero uno della BCE, Mario Draghi, ha ribadito che la risoluzione è stata presa all'unanimità, ricordando che l'istituto non assume nessun impegno sui tassi di interesse pur adottando una politica «accomodante e di sostegno alla crescita»; ha inoltre confermato la volontà di mantenere l'inflazione attorno al 2% in uno scenario economico che resterà debole nella prima parte dell'anno, mentre una lenta ripresa sarà possibile solo nei mesi successivi; Draghi ha inoltre affermato che sulle prospettive di crescita «continuano a prevalere i rischi».
I dati comunicati da Eurostat segnalano che il terziario in Europa, tranne che in Germania, resta in fase di contrazione, così come le vendite al dettaglio, queste ultime in flessione dello 0,8% su base mensile e del 3,4% su base annuale; buoni invece i dati sull’inflazione italiana, calata a gennaio al 2,2%.


Pessima la settimana di Piazza Affari, condizionata dal pesante ribasso registrato nella prima seduta di lunedì 4 febbraio: l’indice FTSE Mib della Borsa di Milano ha registrato una flessione complessiva del 3,98% che ne ha ridotto la crescita da inizio anno ad un misero 2,19%; tra i titoli a listino le performances peggiori della settimana sono state registrate dal Banco Popolare, che ha ceduto il 9%, e da Telecom Italia (-9%), sospesa per eccesso di ribasso dopo che il management ha deciso di dimezzare il dividendo che sarà staccato nei prossimi tre esercizi.
Lo spread tra il Btp e il Bund con scadenza a dieci anni - che misura la differenza di rendimento tra il titolo italiano (Btp novembre 2022) e quello tedesco - si è attestata a 295 punti, dopo che nel corso della giornata ha oscillato tra 291 e i 303 punti, portando così il rendimento del decennale al 4,55%; invariato invece lo spread tra i titoli con scadenza a due anni, stabile a 153 punti e ad un rendimento dell’1,7%.

Read 1378 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]