Fabio Angioletti

Fabio Angioletti

TRIESTE - Nonostante un inizio di ottava caratterizzato dalla chiusura per festività dei mercati di Londra e, soprattutto, di New York, a tenere banco sul fronte macro è proprio il sistema economico a stelle e strisce: ieri il Dipartimento del Commercio americano ha diffuso confortanti dati che parlano di un primo trimestre 2013 in crescita seppur in leggera flessione rispetto alle attese (2,4 contro 2,5 per cento), con consumi in crescita ad un tasso (+3,4%) che risulta essere il più alto degli ultimi due anni e scorte e spesa del Governo federale in calo.

TRIESTE - Chiusura negativa per Piazza Affari venerdì scorso, sintomo del ritorno al prevalere dell’incertezza tra gli investitori, costretti a districarsi tra un’America in ripresa ma alla quale la Federal Reserve (la banca centrale degli Stati Uniti) sta prospettando una riduzione delle operazioni di quantitative easing (alleggerimento quantitativo, creazione ed immissione di moneta nel mercato finanziario), e la paura che l’eccessiva corsa dei mercati, non supportati da un’altrettanto florida situazione economica reale, possa generare una nuova bolla speculativa.

TRIESTE - Lo scorso mercoledì è risultato essere la giornata centrale dell’ottava di Borsa conclusasi oggi, densa di appuntamenti macroeconomici di rilievo (le decisioni di politica monetaria della Bank of Japan, la riunione dei capi di Stato e di Governo dell’UE, il discorso del governatore della Fed al Congresso USA sullo stato dell’economia) e forse prologo ad un nuovo periodo di grande instabilità per i mercati finanziari, di cui il vertiginoso crollo dell’indice Nikkei (-7,3% una perdita di circa 314 miliardi di capitalizzazione) potrebbe rappresentare quella correzione indispensabile per riprendere la strada della crescita, come già intuito ed affermato dall'ex ministro giapponese delle Finanze Eisuke Sakakibara.

TRIESTE - Nonostante la fiacca seduta di venerdì scorso, risoltasi positivamente soltanto grazie alla spinta dei dati americani, la settimana compresa tra il 13 ed il 17 maggio ha registrato il quarto rialzo consecutivo (+1,85%) dell’indice FTSE Mib, il più rappresentativo tra quelli gestiti da Borsa Italiana, portandone così il progresso complessivo da inizio anno all’8,18%.

TRIESTE - Settimana di Borsa dall’impronta decisamente politica, dall’onda lunga del G7 di venerdì scorso ad Aylesbury, chiusosi con l’impegno ad alleviare la dolorosa piaga della disoccupazione per favorire la ripresa economica globale, al dibattito politico italiano sull’IMU (Imposta Municipale Unica) e sulla CIG (Cassa Integrazione Guadagni), i cui rispettivi gettito e rifinanziamento minacciano la tenuta dell’Esecutivo Letta, passando per gli Usa, che discutono sull'opportunità di interrompere entro l'estate il piano d'acquisto di obbligazioni lasciando l’economia ad autoregolarsi, e per il Giappone, autore di una riuscitissima  azione congiunta tra Governo e Banca Centrale per invertire il corso economico del Sol Levante.

TRIESTE - Settimana all’insegna dei forti guadagni quella conclusasi venerdì scorso, con Borsa Italiana protagonista assoluta della scena: dal buon risultato dell’asta Bot che, nonostante una domanda scarsa, è riuscita a far scendere il rendimento dei titoli a 12 mesi al livello minimo dalla nascita dell’euro, alla migliore performance europea di mercato, trainata dal rialzo di Unicredit (+2,36%), oggi la banca in Italia con la minor esposizione complessiva sul debito sovrano del Paese (44% del portafoglio totale), e di Mediobanca (+5,7%), beneficata dalla positiva evoluzione del proprio rating a seguito del miglioramento delle stime sull’utile d’esercizio.

TRIESTE - Il taglio dei tassi operato dalla BCE (Banca Centrale Europea) e la liquidità riversatasi sui mercati a seguito delle politiche espansionistiche adottate dalla Bank of Japan (BoJ) hanno rincuorato gli investitori che, spinti anche dal superamento dello stallo politico ad opera della fiducia ottenuta dal nuovo Esecutivo, nella settimana appena trascorsa (29 aprile - 3 maggio) hanno consentito al FTSE Mib, il più significativo  indice azionario di    Borsa italiana, di progredire del 2,16%, limando il ribasso da inizio anno al 3,99%.

TRIESTE - Ultima seduta di ottava per Piazza Affari, che oggi consuntiva tanto i progressi del mese appena trascorso, quanto gli usuali temi di politica macroeconomica. Il FTSE Mib, il più significativo   indice azionario che comprende le 40    società   italiane ed estere a maggior capitalizzazione quotate sui mercati gestiti da Borsa Italiana, si è finalmente ripreso dopo i cali subiti a febbraio e marzo, favorito dallo sblocco della situazione politica conseguente il varo del nuovo Esecutivo guidato da Enrico Letta e dalle benefica onda lunga delle pratiche ultraespansive adottate dalla Bank of Japan (BoJ), trasformatesi in una massiccia dose di liquidità pronta ad essere investita sui mercati di tutto il mondo:

TRIESTE - L’ultima seduta della precedente ottava si è chiusa sulla debolezza di Wall Street, tradita da dati economici inferiori alle attese: dal Prodotto Interno Lordo (PIL) alla fiducia dei consumatori americani (indice Michigan), tutte le rilevazioni hanno registrato un sensibile calo rispetto alle stime degli analisti, evidenziando come, nonostante il deciso intervento della Federal Reserve, la prima economia del mondo abbia imboccato un sentiero di crescita lenta.

TRIESTE - Due i principali temi macroeconomici che hanno caratterizzato quest’ottava di Borsa: il difficile momento attraversato dall’Eurozona, ancora parzialmente lambita dal reflusso dell’onda lunga della crisi cipriota, e la politica monetaria fortemente espansiva perseguita dal Giappone.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]