Fabio Angioletti

Fabio Angioletti

TRIESTE - Nell’ultima seduta della scorsa ottava di Borsa, svoltasi tra l’11 ed il 15 novembre, Wall Street ha aggiornato ancora i massimi storici degli indici Dow Jones  e S&P 500, che hanno così fissato i loro nuovi  picchi assoluti a 15.963 e 1.798 punti rispettivamente, mentre Piazza affari, reduce da una settimana all’insegna dell’incertezza, ha visto il FTSE Mib, il più significativo indicatore azionario di Borsa italiana, lasciare sul terreno l’1,45%, riducendo così la propria performance da inizio anno al 14,8%.

TRIESTE - Come anticipato lo scorso lunedì, si conclude oggi un’ottava di Borsa caratterizzata da una generale assenza di dati macroeconomici di rilievo, alla quale si associano temi di fondo senza sostanziali variazioni; in tale contesto Wall Street continua ad inanellare nuovi record al rialzo, ieri l’ultimo in ordine di tempo strappato in finale di seduta, quasi che il proseguimento della politica del QE (Quantitative Easing, acquisti di titoli di Stato per 85 miliardi di dollari al mese che stanno sostenendo le quotazioni dei principali asset di investimento) sia la panacea a tutti i mali.

TRIESTE - Dopo una settimana, quella compresa tra gli scorsi 4 ed 8 novembre, caratterizzata da una forte volatilità - che a Piazza Affari ha portato il FTSE Mib, il più significativo indice azionario di Borsa italiana, ad un ribasso dell’1,06% (pari ad un +16,5% da inizio anno) - crediamo che possa inaugurarsi oggi un’ottava di assestamento, complici la minima quantità (ed importanza) dei dati macroeconomici in rilascio e l’aderenza alle aspettative di quelli sull’economia cinese comunicati nel recente week end.

TRIESTE - Ottava di Borsa interessante quella che va a concludersi oggi, ricca di spunti e momenti clou, dalla riunione della BCE (Banca Centrale Europea) tenutasi ieri ai dati sulla disoccupazione americana comunicati nell’odierno pomeriggio, dagli indici PMI (Purchasing Managers Index, indicatore composito dell'attività manifatturiera e/o dei servizi che riflette la capacità dell'acquisizione di beni e prestazioni) al collocamento record della quinta tranche di BTP Italia di inizio settimana.

Domenica, 03 Novembre 2013 21:26

Bancari in piazza contro il clientelismo

Lo sciopero nazionale dei dipendenti del credito come risposta alla disdetta del contratto collettivo. Non mera difesa di presunti privilegi ma ricerca di nuovi equilibri contro la decadenza del settore  

TRIESTE - L’ottava di Borsa che andiamo a commentare si è conclusa con un dato che, almeno per il Bel Paese, risulta incoraggiante: il FTSE Mib, il più significativo indice azionario di Piazza Affari, paniere delle azioni delle 40 società a maggior capitalizzazione quotate sui mercati gestiti da Borsa Italiana, nel mese di ottobre ha registrato un’impressionante crescita del 10,99%, accompagnata da un forte incremento dei volumi trattati.

TRIESTE - Dopo la contrastata seduta di venerdì scorso, la nuova ottava di Borsa si apre con una mattinata nella quale non verranno rilasciati particolari dati macroeconomici ma con un primo pomeriggio che potrebbe essere foriero di volatilità di breve termine, a seguito delle pubblicazioni d’oltreoceano riguardanti il mercato immobiliare e la produzione industriale a stelle e strisce.

TRIESTE - «Borse col fiato sospeso ed occhi puntati sulla Fed» titolavamo ad inizio settimana, con gli investitori a ragionare su quali potessero essere le aspettative in dote all’ottava che si conclude oggi: i dati sull’occupazione Usa (148.000 posti di lavoro creati contro aspettative per 180.000) hanno evidenziato un tasso di disoccupazione numericamente in decrescita ma anche una minor partecipazione alla forza lavoro, un dato deludente che ha elevato la probabilità di veder slittare all’anno prossimo l’inizio del tanto paventato “tapering”, la progressiva riduzione di circa 85 miliardi di dollari al mese che la Fed, la banca centrale americana, continua ad iniettare nel sistema per sostenere finanza ed economia.

TRIESTE - Dopo la definitiva soluzione dello psico-dramma sullo “shutdown” (paralisi degli uffici del governo federale) attuata mediante la posticipazione del confronto sul “debt ceiling” (l’innalzamento del tetto sul debito),  la ripresa del funzionamento a pieno regime della macchina amministrativa a stelle e strisce porterà alla pubblicazione dei dati relativi al mercato del lavoro, fondamentali per determinare aspettative attendibili circa il prosieguo della politica del QE (Quantitative Easing, la modalità con cui la Fed, la banca centrale americana, al ritmo di circa 85 miliardi di dollari al mese, inietta liquidità nel sistema finanziario ed economico). 

TRIESTE - Settimana di Borsa caratterizzata dalla notizia più attesa dai mercati finanziari:  gli Stati Uniti hanno scongiurato il default ! Lo scorso 16 ottobre si è posto fine allo “shutdown” con un accordo tra Repubblicani e Democratici che ha superato brillantemente la prova del voto sia al Senato (81 favorevoli contro 18 contrari) che alla Camera dei Rappresentanti (285 “sì” e 144 “no”), innalzando il tetto sul debito (“debt ceiling”) sino al 7 febbraio 2014 e garantendo (sino al 15 gennaio) al governo federale nuovi fondi per la riapertura degli uffici e dei servizi non operativi.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]