ROMA - Per un chilo di arance prodotto nella piana di Rosarno vengono pagati meno di 7 centesimi al chilo del tutto insufficienti a coprire i costi di produzione e di raccolta.

Published in Economia

La famiglia è diventata il nuovo welfare dalla casa alla tavola

Published in Economia

ROMA - Il Consiglio di Stato conferma una scelta già fatta sul piano politico dall’Italia con la firma il 23 gennaio scorso da parte del  ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, del Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina e di quello dell’Ambiente, Gian Luca Galletti del decreto che sancisce il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810 per un periodo di ulteriori 18 mesi dalla sua entrata in vigore, soluzione questa che risulta legittimamente adottata dopo il via libera del Consiglio di Stato stesso che ha respinto il ricorso contro il precedente decreto.

Published in Società
Giovedì, 05 Febbraio 2015 09:49

Giornata contro gli sprechi alimentari

ROMA - Oggi si celebra la seconda Giornata di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, istituita nel 2013 dal ministero dell'Ambiente non solo per recuperare lo spreco alimentare ma soprattutto per ''prevenirlo''. "Lo spreco alimentare, infatti, non e'' solo un problema di alimenti ma anche di impatti sulla biodiversità e sul clima", un allarme che il Wwf rilancia nell'anno che vedrà il Vertice mondiale di Parigi come momento clou per gli impegni di riduzione delle emissioni di CO2 al livello globale. I dati del rapporto ''Food wastage footprint. Impacts on natural resources'' realizzato dal Dipartimento di gestione ambientale e delle risorse naturali della Fao nel 2013, segnalano, infatti, che l'impronta di carbonio del cibo prodotto ma non mangiato e quindi sprecato ogni anno, viene stimata in 3,3 miliardi di tonnellate di CO2, una cifra complessiva che inserisce questo sconcertante dato di emissioni di prodotti che non vengono neanche utilizzati, al terzo posto nella classifica dei maggiori emettitori di CO2 a livello mondiale dopo Cina e Stati Uniti. - Circolo vizioso tra spreco cibo, perdita biodiversità e cambiamenti climatici: questo, rileva l''Associazione del Panda, è un circolo vizioso perché secondo studi recenti, il cambiamento climatico a sua volta potrebbe ridurre la produttività agricola, diminuendo le disponibilità alimentari globali e danneggiando le popolazioni più povere e le famiglie che basano il proprio reddito sulle colture, l'allevamento del bestiame e la pesca".

Il Wwf prosegue, a proposito della seconda Giornata di prevenzione dello spreco alimentare: - Anche le risorse idriche subiscono l'effetto ''spreco'': globalmente il consumo di acqua blu (un elemento importante dell'impronta idrica che riguarda l''acqua dolce prelevata dalla superficie o dalle falde e utilizzata, ad esempio, per scopi agricoli, come l''irrigazione) cheè collegato allo spreco alimentare e'' di circa 250 km cubici, equivalenti al flusso annuale d''acqua del Volga oppure a tre volte il volume delle acque del lago di Ginevra. Il cibo prodotto e sprecato occupa quasi 1.4 miliardi di ettari di terra, costituendo il 30% della superficie occupata da terre agricole a livello mondiale. E' difficile stimare l'impatto sulla biodiversità dello spreco alimentare a livello globale, comunque gli effetti negativi dell''espansione agricola e delle coltivazioni estensive e'' tale sulla frammentazione degli habitat e sulla perdita di biodiversita'' che appare veramente assurdo che una parte importante di quanto prodotto, con significativi impatti ambientali, vada addirittura sprecato. - Il peso ambientale dello spreco: La responsabilità è dei consumatori, che spendono in media 316 euro l'anno in cibo che per disattenzione o negligenza viene buttato senza essere consumato, ma anche di un sistema produttivo che troppo spesso perde cibo e risorse lungo la filiera, fino al 50% delle perdite totali, prima ancora che arrivino in tavola. - La campagna informativa con la gdo e food service: Prosegue la campagna di sensibilizzazione sulla riduzione dello spreco alimentare domestico con iniziative in punto vendita e sul web promossa da Auchan e Simply, Ikea e Autogrill.

Coldiretti, si spreca meno ma c'è ancora molto da fare

Sei italiani su dieci (60 per cento) hanno diminuito o annullato gli sprechi domestici nel 2014 secondo una tendenza favorita dalla crisi ma molto resta da fare con ogni italiano che ha comunque buttato nel bidone della spazzatura ben 76 chili di prodotti alimentari durante l’anno. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ divulgata in occasione della giornata di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, istituita dal ministero dell`ambiente.

Secondo l’indagine Coldiretti/Ixè, tra chi ha tagliato gli sprechi, il 75 per cento fa la spesa in modo piu’ oculato,  il 56 per cento utilizzando gli avanzi nel pasto successivo, il 37 riducendo le quantità acquistate, il 34 per cento guardando con più attenzione la data di scadenza e l’11 per cento donando in beneficenza.

La tendenza a ridurre gli sprechi cresce anche fuori dalle mura domestiche con un italiano su tre (33 per cento) che quando esce dal ristorante non ha problemi a portarsi a casa gli avanzi con la cosiddetta “doggy bag” anche se tra questi, solo il 10 per cento lo fa regolarmente, mentre il 23 per cento solo qualche volta, secondo l’indagine indicativa on line condotta dal sito www.coldiretti.it  dalla quale si evidenzia, peraltro, che una fetta rilevante della popolazione (24 per cento) quando va a mangiare fuori lascia sulla tavola gli avanzi semplicemente perché si vergogna di chiederli. La ristorazione comunque si attrezza e in un numero crescente di esercizi, per evitare imbarazzi, si chiede riservatamente al cliente se desidera portare a casa il cibo o anche le bottiglie di vino non finite e si mettono a disposizione confezioni o vaschette ad hoc.  Si moltiplicano peraltro – continua la Coldiretti - le iniziative per la raccolta dei cibi avanzati in ristoranti, mense e pizzerie ma anche di prodotti vicini alla scadenza offerti da negozi e supermercati da destinare ai piu’ bisognosi.

A livella mondiale un terzo del cibo prodotto viene sprecato per un totale di 1,3 miliardi di tonnellate che sarebbero ampiamente sufficienti a sfamare la popolazione che soffre di fame cronica, secondo una analisi della Coldiretti su dati Fao. Gli sprechi alimentari hanno raggiunto le 670 milioni di tonnellate nei paesi industrializzati  e le  630 milioni di tonnellate in quelli in via di sviluppo. Ogni anno – conclude la Coldiretti - , il cibo che viene prodotto, ma non consumato, sperpera un volume di acqua pari al flusso annuo di un fiume come il Volga, utilizza 1,4 miliardi di ettari di terreno - quasi il 30 per cento della superficie agricola mondiale - ed è responsabile della produzione di 3,3 miliardi di tonnellate di gas serra.

Published in Società

ROMA - Nella top ten dei prodotti più venduti nel 2014 occupano il primo posto i i prodotti senza glutine, con una crescita del 32,1 per cento rispetto all’anno precedente, in controtendenza al calo registrato alla spesa alimentare complessiva.

Published in Economia

ROMA - Calano del 3 per cento i terreni seminati con organismi geneticamente modificati (ogm) in Europa nel 2014 a conferma della crescente diffidenza nei confronti di una tecnologia che non rispetta le promesse.

Published in Società

ROMAL’Italia ha perso nel 2014 oltre 1,25 miliardi di export in Russia per effetto del crollo del rublo che ha reso meno convenienti gli acquisti ma anche a causa per l’effetto dell’embargo e delle tensioni politiche che hanno frenato gli scambi.

Published in Economia

Crollano acquisti cibo in botteghe (-2,9%) e cala addirittura la grande distribuzione (-0,7%)

Published in Società

ROMA - Dal latifondo di circa 300 ettari utilizzato in passato come riserva di caccia dei più noti capimafia come Brusca e Provenzano all’olio extravergine di oliva prodotto nelle aziende che sembrano fare capo al boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro fino alle energie pulite come l’eolico, sono le ultime frontiere del business delle agromafie che generano un volume di affari di 15,4 miliardi nel 2014 (+10 per cento) secondo il rapporto Coldiretti/Eurispes.

Published in Società
Sabato, 17 Gennaio 2015 11:08

Crisi economica. Addio fattorie in Italia

Benedizione animali nel giorno del Patrono Sant’Antonio Abate in Piazza San Pietro

Published in Società

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]