LONDRA - A Londra si respira un clima di tensione dopo l'attacco a Woolwich che ha provocato la morte di un soldato, ucciso a colpi di machete. I due aggressori fermati dalla polizia sono entrambi britannici, uno di questi, Michael Abedolajo, si è convertito recentemente all'islam ed era già noto alle forze dell'ordine poichè era solito distribuire volantini radicali contro le truppe britanniche  e il loro coinvolgimento nella guerra in Afghanistan e Iraq.

Published in Mondo

ROMA - Il Capo dello Stato, Napolitano, i presidenti di Senato e Camera, Grasso e Boldrini e il ministro della Difesa, Mauro, hanno deposto una corona in Via Caetani, nell'anniversario dell'assassinio di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse dopo un sequestro durato ben 55 giorni.

Published in Società

CITTA' DEL MESSICO – Morire durante una sortita del sabato sera, in agguato. Sotto una mitraglia di colpi di pistola a culmine di un lungo inseguimento.

Published in Mondo

KABUL - L'onore violato, un marito tradito, l'illusione di un amore impossibile, una fuga finita in tragedia. Halima è una donna afgana di un piccolo villaggio della provincia di Badghis. Più che una ragazzina, per la verità. È stata giustizia dal suo stesso padre, a fine aprile, in pubblico, con tre colpi di kalashnikov.

Published in Mondo

Era stata rapita e violentata da due uomini, arrestati entrambi

Published in Mondo

BERLINO – Irrompe nell'ufficio e uccide il politico locale. E' la terribile storia che ci giunge dalla Germania, e più precisamente dal circondario rurale di Hameln-Pyrmont, cittadina di 60 mila abitanti nella Bassa Sassonia, in Germania. Secondo le prime notizie riportate dall'Ansa l'aggressore sarebbe un anziano le cui generalità non sono ancora state divulgate.

Published in Mondo
Venerdì, 22 Marzo 2013 15:01

Usa. Marine uccide 2 colleghi e si spara

WASHINGTON - Un Marine americano ha aperto il fuoco su un commilitone, uccidendolo. Poi si è barricato in un edificio con un secondo collega, che ha freddato prima di suicidarsi. Teatro della sparatoria è  la Scuola ufficiali della base militare di Quantico, in Virginia, negli Stati Uniti. Le vittime dell'omicida sono un uomo e una donna. Non è chiaro per ora il motivo dell'aggressione.

Published in Mondo

PARIGI  - Un padre ha scoperto questa mattina i suoi tre figli di 10, 11 e 17 anni sgozzati, nella casa di famiglia in un comune ad una trentina di chilometri da Parigi, mentre la madre risultava introvabile.

Published in Mondo
Giovedì, 21 Febbraio 2013 17:53

Rassegna letteraria Cronaca nera del passato

VENEZIA - Oggi esiste un tipo di investigazione condotto sul piano storico, basata sull’analisi di crimini avvenuti nel passato, effettuata sullo studio delle fonti storiche e sui materiali d’archivio.

Published in Eventi da non perdere

PRETORIA-  È ripresa stamattina l'udienza presso il tribunale di Pretoria che dovrà decidere della scarcerazione su cauzione di Oscar Pistorius, l'atleta paralimpico accusato dell'omicidio premeditato della sua fidanzata Reeva Steenkamp e che per questo rischia l'ergastolo.  

Anche oggi l'atleta, vestito di scuro e piuttosto provato, ha dichiarato la sua innocenza. "Non ho voluto ucciderla, lo affermo nella maniera più categorica possibile". "Ci amavamo alla follia" Reeva "é morta tra le mie braccia"sostiene Pistorius.Lo ha affermato il campione sudafricano in una dichiarazione giurata, secondo quando riporta la Cbsnews. Secondo quanto affermato, Pistorius avrebbe tentato di portare al piano di sotto la fidanzata, dopo averle sparato, prendendola in braccio.

Intanto nel corso dell'udienza odierna, il procuratore Gerrie Nel ha riferito che un testimone ha detto di aver sentito l'atleta litigare violentemente con la sua fidanzata tra le 2 e le 3 del mattino, prima quindi dell'omicidio. "Urla senza fine prima degli spari". E' quello che hanno sentito provenire dalla villa di Oscar Pistorius i testimoni. La versione dei testimoni inoltre contraddice per ciò che riguarda gli orari il racconto fornito ieri da Pistorius, secondo cui i due erano andati a dormire dopo le 22.

La posizione dell'atleta si aggrava anche perché nella villa sono state rinvenute due confezioni di testosterone e siringhe, nella camera da letto. Lo riferisce uno degli investigatori testimoniando in aula a Pretoria sul caso dell'omicidio di Reeva Steenkamp. Infine Pistorius sarà  formalmente accusato anche di violazione delle leggi sudafricane sulle armi da fuoco e di possesso abusivo di munizioni.  Un ufficiale di polizia, Hilton Botha, ha dichiarato che in casa del campione paralimpico è stata «trovata una scatola di munizioni calibro 38 special». Botha, che è tra i responsabili delle indagini, ha spiegato che si tratta di proiettili ai quali non si estende il porto d'armi di cui è munito Pistorius, notoriamente appassionato di pistole e fucili. 

"Per il presidente del tribunale di Pretoria Desmond Nair, l'omicidio della sua fidanzata Reeva Steenkamp era premeditato e Oscar Pistorius rischia quindi l'ergastolo.  A questo punto sembra impossibile, salvo colpi di scena, che a Pistorius venga concessa la libertà su cauzione, come chiesto dalla difesa. Secondo i giornalisti che seguono il processo, il giudice può decidere in un secondo tempo di modificare i termini dell'accusa, se emergeranno nel frattempo nuove prove a favore dell'ex campione.

Published in Mondo

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]