Venerdì, 23 Gennaio 2015 18:59

Imprenditoria fondata su innovazione sociale e stile. VIDEO

Scritto da

VERONA Serge Rombi, euronews “Buongiorno e benvenuti a questa nuova puntata di Business Planet, da Verona. Questa settimana, parleremo di una delle grandi tendenze dell’imprenditoria: l’innovazione sociale.

In altre parole, si tratta di rispondere ai bisogni sociali, favorendo al tempo stesso la competitività, e creando quindi lavoro”. Questi abiti sono creati e commercializzati da un’impresa locale. Il Progetto Quid è nato due anni fa da un’idea semplice: recuperare i tessuti inutilizzati dei grandi produttori tessili italiani e realizzare collezioni esclusive, curando anche la vendita in temporary store e altri negozi nel nord Italia. L’anno scorso, il fatturato è stato di 240mila euro e quest’anno potrebbe raggiungere i 330mila. Anna Fiscale, fondatrice e presidente di Progetto Quid: “Il nostro prodotto è un’edizione limitata, ha un impatto positivo sul mercato ed è per questo che abbiamo instaurato delle partnership con dei brand affermati a livello italiano che hanno apprezzato il nostro progetto”. L’obiettivo è sviluppare queste partnership, nell’ottica di produrre per i più grandi marchi di pret-à-porter in Italia e nel resto d’Europa. Un aspetto importante è costituito dalle collaborazioni con altre cooperative sociali di Verona. Ma il valore aggiunto del progetto è che promuove il reinserimento lavorativo di donne in situazioni di disagio. E’ il caso di Emma e delle altre 14 dipendenti. Emma, Progetto Quid: “Io mi trovavo in carcere per aver commesso uno sbaglio, dove sono rimasta per due anni. In quegli anni ho imparato a fare molte cose, una delle quali è stata lavorare con Anna e le altre ragazze che hanno messo in piedi questo progetto e che mi hanno dato l’opportunità di uscire dal carcere e trovare un impiego”. Serge Rombi, euronews: “Questa iniziativa italiana ha ricevuto l’anno scorso un premio europeo per l’innovazione sociale. Vediamo di capire meglio di che cosa si tratta”. Per innovazione sociale si intendono i nuovi progetti, servizi e modelli che permettono di soddisfare i bisogni sociali in modo più efficace di come si è fatto finora. Xavier Le Mounier, organizzatore del Concorso europeo per l’Innovazione sociale: “Coinvolge ogni settore: dalla salute, all’istruzione, all’inclusione. L’anno scorso, ho incontrato un gruppo di imprenditori che riqualificava edifici in stato di abbandono”. L’anno scorso, uno dei premi del concorso europeo per l’innovazione in campo sociale è stato conferito al Progetto Quid. Il concorso è aperto a tutti i nuovi progetti per combattere la disoccupazione e i suoi effetti sull’economia. Xavier Le Mounier: “Si può vincere fino a 50mila euro e ottenere aiuto concreto in termini di consulenza e addestramento. Si possono trovare partner, numerosi contatti e talvolta anche clienti”. Anna Fiscale: “Per noi la chiave del successo è l’unione di aspetti sociali, ambientali e di mercato, proponendo un modello competitivo applicabile a tutte quelle aziende con un interesse etico”.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Surriscaldamento globale. L’oceanologo Furio Ruggiero : “I nostri discendenti si…

Checché ne dica il presidente americano Trump, che nega il fenomeno del surriscaldamento globale, la temperatura media della terra è in costante aumento, i ghiacciai si sciolgono, il livello degli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Come difendersi dalle furbizie del mercato. Incontro con Massimiliano Dona, pres…

Le aziende fornitrici di servizi pubblici che mandano le bollette di pagamento ogni 28 giorni, inventandosi così il tredicesimo mese dell’anno, e di fatto aumentano le tariffe. Le compagnie telefoniche...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077