Giovedì, 02 Marzo 2017 15:04

Disoccupazione: il tasso rimane su livelli allarmanti

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - L’Istat diffonde oggi i dati relativi al lavoro, rilevando un tasso di disoccupazione all’11,9%, confermando un andamento stabile rispetto a dicembre.

Guardando ai numeri emerge come le persone in cerca di occupazione siano ben 2.000 in più rispetto a dicembre e 126.000 in più rispetto a gennaio 2016 (quando la disoccupazione si attestava all’11,6%).

Contestualmente cresce anche il numero degli occupati (+236.000 rispetto a gennaio 2016), decurtando così le file degli inattivi. Cala la disoccupazione giovanile, passando dal 39,2% al 37,9%. Un dato che, seppure ridimensionato, continua a spiccare negativamente. “Il quadro dell’occupazione non presenta alcuna novità incoraggiante. È questo l’elemento che desta maggiore preoccupazione, visto che consideriamo il Lavoro quale elemento cardine su cui fondare la ripresa.” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori ed Adusbef. 

Il nostro Osservatorio Nazionale ha calcolato che, se il tasso di disoccupazione si attestasse ai livelli pre-crisi, quindi ad un 6% (che comunque a nostro parere è ancora eccessivo), il potere di acquisto delle famiglie registrerebbe un incremento di circa +40 miliardi di Euro l'anno e i contributi dei nuovi occupati andrebbero ad accrescere il fondo pensionistico per circa 15 miliardi di Euro. 

È evidente che tale dinamica darebbe nuovo impulso alla domanda interna, che rimetterebbe in modo, in maniera concreta e strutturale, la produzione, agendo a sua volta in termini positivi sulla ripresa occupazionale. Un meccanismo virtuoso orientato alla crescita, che ha bisogno solo dell’avvio iniziale, attraverso la disposizione di un Piano Straordinario per il Lavoro che punti su investimenti e risorse alla ricerca, allo sviluppo tecnologico, alla modernizzazione, alla realizzazione di infrastrutture, alla messa in sicurezza antisismica, nonché alla valorizzazione dell'offerta turistica.

Non bisogna trascurare, dall’altro lato, gli effetti di un intervento di questo tipo dal punto di vista sociale: in questo modo si restituirebbero speranze e prospettive ai giovani e ad un Paese intero. 

Read 827 times
Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Coaching Cafè

Networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cos…

Non solo coaching: networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cose”. Appartenere ad una rete di contatti, costituisce oggi la base per molte delle nostre...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208