Lunedì, 06 Marzo 2017 11:41

I costi di cittadinanza pesano sulle famiglie

Scritto da

Nel 2016  una famiglia di 3 persone ha speso 2.484 Euro per i servizi essenziali. Determinante il peso delle addizionali regionali e comunali

L’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha realizzato il quarto rapporto sui costi di cittadinanza, analizzando le spese sostenute dalle famiglie nel 2016 per usufruire dei servizi essenziali (assistenza sanitaria, trasporti pubblici locali, raccolta rifiuti, asili nido e fornitura di acqua) con l’aggiunta delle addizionali IRPEF comunali e regionali.

La famiglia tipo presa in considerazione come campione nell’ambito dell’indagine è rappresentato da una famiglia composta da tre persone (due adulti e un figlio che nel 10% dei casi ha meno di 4 anni) che abita in un appartamento di proprietà di 100 mq e con un reddito di 36.000 euro annui (pari ad un ISEE di circa 18.000 euro). Per quanto riguarda il luogo di residenza, sono state considerate le 14 città metropolitane italiane.

La spesa media registrata per i costi di cittadinanza risulta pari a 2.484,00 euro, pari al 3,58% in più rispetto al 2014.

I costi medi più elevati sono stati rilevati a Roma (3.090,6 euro), seguita da Torino con 2.953,3 euro e da Genova 2.868,5 euro. Da segnalare che anche nel rapporto precedente queste stesse città erano risultate le più care, seppure in ordine differente. Le spese medie più contenute, invece, sono state registrate nell’ordine a Venezia (2127,2 euro), Palermo (2.264,2 euro) e Milano (2.266 euro).

A Roma, la città più cara, i costi complessivi sono superiori del 24,4% rispetto alla spesa media e del 31,1% rispetto ai valori rilevati a Venezia, che è appunto la città più economica.

Nel periodo di tempo compreso tra le rilevazioni effettuate nel 2014 e quelle odierne alcune voci di spesa sono rimaste stabili, mentre altre hanno subito variazioni degne di nota. Consistenti, ad esempio, gli aumenti dei ticket per le prescrizioni dei farmaci (+10,86%), per il servizio idrico integrato (+10,47%) e per le addizionali regionali IRPEF (+8,24%).

Il peso delle addizionali comunali si rivela decisivo nel determinare i costi di cittadinanza più elevati ma non sempre pagare di più significa avere servizi migliori, anzi. In diversi casi i servizi risultano carenti o di difficile accesso a causa della crisi dei bilanci comunali: una situazione, questa, determinata anche dai tagli operati dai governi che si sono succeduti in questi anni nonché da gestioni inappropriate e inefficienti. I cittadini hanno diritto ad avere risposte concrete in termini di efficienza ed accessibilità ai servizi, quindi non servono più tasse e tagli lineari, ma è necessaria una lotta agli sprechi, ai privilegi e agli abusi. 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Coaching Cafè

Networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cos…

Non solo coaching: networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cose”. Appartenere ad una rete di contatti, costituisce oggi la base per molte delle nostre...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nell’Italia che non legge, dilaga la “ringraziamentite”.

Gli scrittori di oggi hanno copiato dai titoli di coda dei film di ieri il vezzo di ringraziare tutti quelli che hanno collaborato alla fattura del film, fino all’ultimo elettricista...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208