ECONOMIA

ROMA - La storia si  ripete. Prima  Craxi, poi Berlusconi  con Brunetta  , si cimentarono nell’ attacco ai fannulloni, ai lavoratori del pubblico impiego. Preda facile,occasione di barzellette. File insopportabili negli uffici pubblici, le mezze maniche di tanti film, pratiche inestricabili, cittadini esasperati. Ma invece di affrontare e risolvere questi problemi, non  ci vogliono grandi riforme ma una riorganizzazione della macchina ammInistrativa,  Craxi e Berlusconi, presero lo spunto per ridefinire il ruolo della  pubblica amministrazione,  il suo rapporto con lo Stato inteso come comunità di cittadini. 

Published in Il punto

ROMA - Diecimila in piazza a Pordenone dove si è svolta la manifestazione centrale del Primo Maggio.  In testa al corteo i lavoratori della  Electrolux, l’azienda simbolo della crisi in Friuli Venezia Giulia e delle tante crisi di grandi e piccole imprese sparse in tutta Italia.

Published in Lavoro

ROMA - Primo Maggio per gli studenti e i giovani del Paese non è la festa del lavoro ma una data importante di mobilitazione contro la precarietà e le politiche che la alimentano.  Abbiamo segnalato le agenzie interinali, i centri per l'impiego a  Roma, Bologna, Torino, Trieste e in diverse città d'Italia.

Published in Società

 

ROMA -  Secondo l'Osservatorio Indipendente di Bologna, al 25 marzo 2014 i morti sul lavoro nelle costruzioni sono stati 108, il 19,6% in più rispetto alla stessa data del 2013, un dato drammatico che  dobbiamo ricordare anche il Primo Maggio, per questo metterò il lutto, aderendo all’iniziativa lanciata dall’Osservatorio e proseguendo la tradizione Fillea di ricordare nel giorno della Festa del Lavoro tutti coloro che di lavoro sono morti.

Published in Primo piano

ROMA - “Sono passati più di 5 anni dall’esplosione della crisi finanziaria globale, ma l’economia globale sta ancora lottando per superare la debolezza cronica del dopo crisi”. Una debolezza che si manifesta in tanti modi: trend deludenti della produzione e della produttività; disoccupazione oltre ai livelli pre-crisi; rischi di deflazione; crescita del 30% del debito privato dei settori non finanziari rispetto al Pil; un settore finanziario ancora in riassestamento; i mercati finanziari in crescita e sempre più dipendenti dalle banche centrali; deficit di bilancio crescenti mentre scendono gli introiti fiscali; una politica monetaria che ha raggiunto i suoi limiti.

Published in Focus Economia
Giovedì, 01 Maggio 2014 17:18

9. FINE (prima parte)

“Orazio?” chiamò una voce al telefono. “Puedes pasar a la una de la tarde para trabajar?”, continuò la voce al telefono. Orazio stava per piangere dalla gioia, era una vineria della città vecchia che lo stava chiamando per proporgli di lavorare come cameriere. Era entusiasta, non sapeva cosa fare, chiamò Paz e le disse di passare subito da lui che aveva una cosa importante da dirle. Paz una volta che seppe la buona notizia era felice e più rilassata.

TRAPANI - Continua l'odeissea degli sbarchi nelle coste siciliane. Stamattina 424 migranti, tra cui 83 minori (27 bambini, una decina neonati) e 135 donne, cinque delle quali incinte, sono giunti  al porto di Trapani a bordo della Nave «Espero» della Marina Militare che li ha soccorsi martedi scorso in tre diverse operazioni a sud di Lampedusa.

Published in Cronaca

ROMA - È iniziata al Quirinale la cerimonia per la Festa del Lavoro, con il capo dello Stato Giorgio Napolitano. Sono presenti la presidente della Camera Laura Boldrini, il ministro Giuliano Poletti e il presidente della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano. 

Published in Brevissime

ROMA - 1° maggio, Festa del Lavoro. Festa del lavoro che manca, del precariato, della disperazione di intere generazioni prive di dignità, diritti e futuro; festa di un tempo negato, di vite che il professor Luciano Gallino ha definito “rinviate” e anche di una generazione che si sente senza domani, che considera l’avvenire un buco nero, che guarda alla misera somma di mille euro mensili come a un miraggio e che si è oramai abituata ad accettare qualunque impiego, senza alzare la testa, senza lottare, senza rivendicare alcuna tutela sindacale, educata in base a una sorta di religione dell’obbedienza che, se ci pensate, è la negazione stessa dei diritti e delle conquiste sociali e civili che hanno scandito il processo di sviluppo del nostro Paese dal dopoguerra in poi.

Published in Fatti & Opinioni

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Sfratti. Aumentano le esecuzioni. La politica latita

ROMA - Il Dipartimento per le Politiche del Personale dell’Amministrazione Civile e per le Risorse Strumentali e Finanziarie - Ufficio Centrale di Statistica, del Ministero dell’interno ci ha inviato su...

Massimo Pasquini - avatar Massimo Pasquini

Il punto G del video: Gruber, Goracci, Gabanelli

Oltre al varietà, i film e lo sport, in tv ci sono anche i telegiornali. E ci sono le giornaliste, che senza essere delle celebrità non sono professionalmente meno brave...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208