Amerigo Rivieccio

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

ROMA - Prestatemi la vostra macchina. Per 20 anni. Io farò il pieno e il cambio dell’olio e per tutto questo servizio mi accontento di un piccolo pagamento di pochi euro. Diciamo che mi pagherete 10 euro al mese per 20 anni per potermi prestare la vostra macchina, più 500 di penale se per caso l’auto vi serve e ve la volete riprendere.

ROMA - Non è un caso che la Lega certe fesserie le annunci in manifestazioni di alto profilo scientifico come la Sagra della Zucca di Pecorara, in provincia di Piacenza.

Oggi, nella prima riunione del direttivo presieduto da Mario Draghi la Banca Centrale Europea ha ridotto il tasso di riferimento di un quarto di punto all'1,25%. Il tasso era stato portato all’1,50 %, con un rialzo in quel caso, lo scorso 7 luglio.

Mercoledì, 02 Novembre 2011 17:43

2011, l’anno della beffa previdenziale

Per la prima volta i contributi dei lavoratori verranno rivalutati ad un tasso inferiore a quello dell’inflazione  

Piccolo manuale per la costruzione di un pensionamento migliore

Lo spread vola e raggiunge livelli pericolosissimi. A causa della ondata di vendite che ha interessato tutte le scadenze dei titoli di stato italiano, ed in particolare le scadenze medie e brevi, il differenziale di rendimento tra il Btp ed il Bund ha sfondato di gran carriera il muro dei 400 punti girando intorno ai 410 punti per la maggior parte della giornata.

Così si va in pensione in molti paesi europei con 480 mesi o 160 trimestri di anzianità. Che sempre 40 anni sono

ROMA - E’ davvero complicato parlare della’riforma’ promessa dal nostro premier agli agguerritissimi partner europei per fronteggiare la crisi del debito in Europa.
A cominciare dall’accoglienza che ha ricevuto, un po’ tutti i leader europei hanno infatti commentato con soddisfazione la massa di ipoteche sul futuro del nostro paese che l’attuale guida dell’esecutivo nostrano ha tranquillamente accettato, salvo specificare che ora si aspettano la realizzazione degli impegni.

Le pensioni tema caldissimo

Alzare l’età per la pensione di vecchiaia a 67 anni a partire dal 2026 è una norma già inserita nella riforma di questa estate e la discussione, anche per i recenti scontri, non solo televisivi, tra Fini e la Lega, potrebbe tornare ad appuntarsi alla questione dei trattamenti di anzianità; su quei trattamenti che si maturano allo scoccare di determinate anzianità di servizio e non al decorrere di determinare età anagrafiche come la pensione di vecchiaia.
E proprio oggi uno studio di Confartigianato valuta l'impatto sul debito pubblico delle baby pensioni alla astronomica somma di 163,5 miliardi. Dichiara Cesare Fumagalli, segretario Generale di Confartigianato   “Le baby pensioni sono un fenomeno paradossale, un'assurda iniquita', frutto di politiche pensionistiche poco 'previdenti' fatte negli anni Settanta e Ottanta. Con queste cifre si mette in ginocchio qualsiasi sistema contributivo e retributivo. Con una seria riforma della previdenza che alzi l'età pensionabile si potrebbe fare un'intera manovra di sviluppo”.
Lo studio della Confartigianato sottolinea infatti come, considerata l'eta' di uscita dal lavoro dei baby pensionati, la loro attuale età e la speranza di vita, i baby pensionati rimangono in pensione, in media per 40,7 anni. Che con una durata media della vita stimata a 85,1 anni, equivale a quasi metà della vita, il 48%, trascorso da pensionato.
E sempre di pensioni ha parlato il funzionario generale della Ricerca Economica della Banca d'Italia, Daniele Franco, durante l'audizione davanti alle commissioni congiunte Bilancio di Senato e Camera, che invita a rimuovere le “residue disparita' di trattamento tra le diverse categorie di lavoratori e le diverse generazioni" e che sottolinea come i ripetuti interventi di cui è stata fatta oggetto la normativa previdenziale italiana abbiano “reso sostenibile a regime il sistema pensionistico italiano".


Licenziamenti facili

Altro tema rovente è quello della semplificazione del procedimento di licenziamento dei dipendenti in caso di crisi, istituto già previsto nello Statuto dei lavoratori che verrebbe modificato e reso più agevole da percorrere per le aziende. Il testo della lettera riporta l’impegno ad adottare una “nuova regolazione dei licenziamenti per motivi economici nei contratti di lavoro a tempo indeterminato”.
Come possa aiutare l’uscita dalla crisi l’estensione della precarietà ai fortunati che hanno un contratto a tempo indeterminato è tutto da vedere, ma gli esponenti del Governo e le dirigenze sindacali hanno cominciato una schermaglia verbale che potrebbe preludere ad un inverno rovente sotto il profilo delle relazioni, soprattutto alla luce della scadenza che la lettera include perentoriamente, “Entro maggio 2012 l’esecutivo approverà una riforma della legislazione del lavoro”. Ed è del tutto imperdibile l’affermazione di Marina Sereni, vice presidente dell'Assemblea Nazionale del Pd:
“poiche' la maggior parte di quegli impegni riguardano non l'Esecutivo ma il Parlamento, non e' piu' rinviabile un confronto in Aula sui contenuti di quel documento".


Privatizzazioni. C’è stato un referendum ma che sarà mai

Appare del tutto evidente che nel capitolo della concorrenza il canale di comunicazione tra la volontà popolare e l’esecutivo in carica è del tutto interrotto. Con riguardo alle misure di apertura dei mercati si legge:
“Per quanto riguarda la riforma dei servizi pubblici locali che il Governo italiano - riprendendo quanto già previsto dall’articolo 23 bis del DL 112/2008 - ha approvato nella manovra di agosto 2011 escludendo il settore idrico a seguito di un referendum popolare. Con le disposizioni che si intende varare si rafforza il processo di liberalizzazione e privatizzazione”.
Appare forte lo stacco tra le intenzioni popolari emerse in sede di consultazione referendaria e quanto ha intenzione di fare il Governo.

E Babbo Natale non esiste

Il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, dichiara:
"Qualcuno, con molto tatto, dica a Berlusconi che Babbo Natale non esiste. Il presidente del consiglio è come quei bambini che scrivono la letterina di Natale, con la promessa che saranno più buoni. Ma chi crede ancora alle favolette? Gli italiani certamente no e neanche il ministro dell'economia. Ormai si gioca solo a carte scoperte: quella di Berlusconi resterà lettera morta"

E ad andare sotto la scure del taglio del rating del proprio debito sovrano stavolta è la Spagna, mentre ad impugnarla quella scure ci si è messa l’agenzia Moody’s che ha declassato il giudizio sulla solvibilità di Madrid di due tacche, passandolo da "Aa2" a "A1", e con out look negativo ovvero  con l'indicazione di un possibile ulteriore ribasso a medio termine.
Il ribasso era atteso, anche a seguito delle recenti decisioni di Standard and Poor's e Fitch, che negli ultimi 15 giorni avevano già abbassato il rating della spagna di un gradino  a "AA-".

Martedì, 18 Ottobre 2011 17:27

Crisi. Moody’a mette nel mirino la Francia

Il problema in Europa era e resta il contagio, ovvero la possibilità che la caduta di un paese trascini all’inferno tutti i suoi partner, forti e meno forti. A cominciare dall’Italia e via via fino alla Francia, seconda maggiore economia dell'unione valutaria.

 

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]