ROMA - Nel mese di febbraio, secondo le stime preliminari, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), comprensivo dei tabacchi, ha quindi registrato un aumento dello 0,3% rispetto al mese di gennaio 2011 e del 2,4% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente (era +2,1% a gennaio 2011). Su queste basi, spiega l'Istat, l'inflazione acquisita per il 2011 è pari all'1,5%. L'inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, è pari all'1,7%, comunque anch'essa in accelerazione rispetto all'1,4% di gennaio 2011. Al netto dei soli beni energetici, il tasso di crescita tendenziale dell'indice dei prezzi al consumo è pari all'1,8% (era +1,5% di gennaio 2011). Sul piano tendenziale, la crescita dei prezzi dei beni sale al 2,6% dal 2,5% del mese precedente, mentre quella dei servizi si porta all'1,9%, con un'accelerazione rispetto a gennaio 2011 (+1,5%). L'accelerazione dell'inflazione registrata a febbraio, spiega ancora l'istituto di statistica, risente in primo luogo delle tensioni sui prezzi dei servizi, e in particolare di quelli relativi ai Trasporti. Una spinta al rialzo arriva anche dall'andamento dei prezzi dei beni energetici non regolamentati e dei beni alimentari. Sulla base delle stime preliminari, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e del 2,1% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, con un'accelerazione di due decimi di punto percentuale rispetto a gennaio 2011 (+1,9%).

Published in Imprese

ROMA - Sulla questione economica nazionale non si spendono mai abbastanza parole. E forse non si spendono per una scelta precisa.

Published in Economia

ROMA - Quanti sono quelli che ancora si ricordano che oltre ai vari bunga bunga c'è un paese in crisi?

Published in Lavoro

ROMA - L'Europa, con i suoi obiettivi educativi, è ancora lontana. Per quasi un italiano adulto su due il titolo di studio più alto resta il diploma di terza media. È quanto emerge dai dati presentati oggi dall'Istat. In pratica, spiega l'Istituto nelle schede del compendio annuale di dati fornito all'utenza dal titolo 'Noi Italia', il 47,2% della popolazione in eta' compresa tra i 25 e i 64 anni ha conseguito come titolo di studio piu' elevato soltanto la licenza di scuola media inferiore, valore che - nel contesto europeo - colloca il nostro Paese molto distante dalla media Ue27 (27,9 per cento nel 2009). Peggio di noi fanno solo Spagna, Malta, Portogallo. 

Published in Scuola
Venerdì, 10 Dicembre 2010 19:01

Istat. Il decennio perduto dell’Italia

ROMA - Anche il vice direttore generale di Bankitalia Ignazio Visco, in audizione alla Camera dei deputati aveva sottolineato il reale e grave problema dell’Italia di oggi.

Published in Economia

ROMA - L’uscita dell’indagine campionaria “La soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita” (il Testo integrale) del febbraio 2010 è di grande interesse per capire come la crisi politica economica e sociale del paese stia influenzando la vita delle famiglie italiane.

Published in Economia
Pagina 3 di 3

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Storie di ordinaria follia da emergenza coronavirus

Storie di ordinaria follia da emergenza coronavirus

Colta al volo nella fila davanti alla posta: “Mio marito non vuole andare al compleanno dei nipotini perché – dice- per soffiare sulle candeline i bambini senza mascherina spargono il...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Con la pandemia il laboratorio gioca un ruolo fondamentale per la nostra sicure…

Con la pandemia il laboratorio gioca un ruolo fondamentale  per la nostra sicurezza

Nell’era pandemica che stiamo vivendo i laboratori scientifici (laboratori di prova e medici in particolare), si sono rivelati un riferimento fondamentale per mettere in campo nuove soluzioni per individuare, diagnosticare...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]