PARIGI - Una Barbie a grandezza d'uomo vestita in tuta da operaio, incatenata e con la bocca chiusa dal nastro adesivo. E' così che l'Associazione Peuples Solidaires e l'Organizzazione China Labour Watch hanno voluto denunciare in Francia,  vicino ai grandi magazzini parigini, le condizioni degli operai nelle fabbriche cinesi della Mattel.

Un imbonitore accanto alla Barbie operaia recita le seguenti parole: "Avvicinatevi signore e signori, ecco il nuovo modello di Barbie, 'Barbie operaia'. Facilmente manipolabile e sfruttabile a piacimento, è in grado di lavorare 13 ore al giorno per appena 12 centesimi di euro a bambola"

Sulla scatola rosa di due metri di altezza che contiene la bambola, e dove la marca è stata ribattezzata 'Mattée', sono applicati adesivi che mettono in luce le virtù della bambola: "salario misero", "massimo rendimento", "funziona senza protezioni sociali".

"L'obiettivo è quello di sensibilizzare il maggior numero di persone possibile e fare pressione sulla Mattel", ha spiegato Benjamin Lemesle di Peuples Solidaires, citato da 'Le Figaro.fr'.

Risale proprio a due mesi fa il rapporto di China Labor Watch che aveva denunciato "gravi violazioni" del diritto del lavoro constatate in sei fabbriche che riforniscono la Mattel in Cina e che producono tra l'altro le Barbie. Era  stato il quotidiano 'Le Figaro' a raccontare l'esperienza di alcuni  investigatori dell'associazione che si erano fatti assumere come operai in quelle fabbriche in un periodo di massima produzione in vista del Natale, ovvero tra aprile e settembre 2013. Gli investigatori avevano constatato e censito non meno di 18 diversi casi di mancato rispetto delle norme del diritto del lavoro. 18 ore di lavoro al giorno, 110 ore supplementari al mese, denunciava l'associazione, senza ricevere l'adeguata retribuzione. Inoltre per riuscire a mantenere tariffe competitive, i fornitori non pagano interamente le ore supplementari né versano i contributi sociali dei salariati. Per questi motivi, in agosto oltre 300 operai hanno deciso di amettersi in sciopero presso uno degli impianti in questione e per reclamare il versamento dei contributi per la pensione.

La 'Barbie operaia', ha spiegato Kevin Slaton, responsabile della Ong 'China Labour Watch', rappresenta la privazione del diritto degli operai cinesi ad esprimersi sulle loro condizioni di lavoro. Non hanno "rappresentanti sindacali, nessuno con cui lamentarsi". Ma "essendo poveri e provenendo da zone rurali non hanno veramente possibilità di scelta. Crediamo che Mattel e le fabbriche che fanno lavorare quegli operai traggano profitto da questa situazione".

Published in Mondo

TORINO - Sono saliti su una gru alta 30 metri, si tratta di sette operai di un cantiere edile di Torino. Protestano contro il mancato pagamento degli stipendi da parte del loro datore di lavoro.

Published in Lavoro

PHNOM PENH -  Sono almeno 23 gli operai cambogiani rimasti feriti in una fabbrica che produce abbigliamento per la Nike. Gli operai stavano protestando contro le cattive condizioni di lavoro, quando hanno subito una carica della polizia, in assetto antisommossa, che è intervenuta addirittura con manganelli elettrici.

Published in Mondo
PHNOM PENH - Più di cento operai intrappolati ed un bilancio di almeno 6 morti. Tra cui 5 donne e un uomo. Questo il bilancio del tutto provvisorio del crollo di un tetto di una fabbrica di calzature in Cambogia. Un bilancio confermato anche da Ith Sam Heng, ministro per gli affari sociali, che ha annunciato che non c'è nessun operaio ancora intrappolato sotto le macerie.
Published in Mondo

ROMA - La vita non finisce con i retroscena  che dalle pagine dei quotidiani, specialisti in fantasiosi  racconti sulle giornate della politica, hanno invaso anche gli schermi televisivi. Ci sono anche notizie che per il loro oggettivo valore.  “ bucano” gli schermi televisivi e trovano spazio, più o meno in evidenza, sulle pagine dei giornali.

Published in Il punto
Lunedì, 04 Febbraio 2013 17:02

Marchionne è il problema, non la Fiat

ROMA - Ci sono tanti problemi da affrontare nel nostro paese. Se ne parla poco. Le grandi questioni che riguardano il futuro di milioni di cittadini vengono sbertucciate in  una campagna elettorale, terrificante dal punto di vista dell’informazione. 

Published in Il punto

VENEZIA - Da questa mattina alla 8.00  il Ponte della Libertà che porta a Venezia è bloccato da una manifestazione di lavoratori della fabbrica Pinkilton di Porto Marghera che si stanno dirigendo a piedi verso il centro storico lagunare dove nel pomeriggio intendono partecipare al Consiglio Comunale.

Published in Lavoro

CARBONIA - Sta aumentando la tensione nella grande miniera di Serbariu, dove è in corso di svolgimento il vertice tra i ministri Corrado Passera, Maurizio Barca e il sottosegretario Claudio De Vincenti con i sindacati e le autorità regionali e quelle locali del Sulcis.

Published in Lavoro

Operai alla disperazione e oggi uno di loro, dopo giorni passati al freddo e senza mangiare, è stato colto da un malore.

Published in Lavoro

Ancora cassa integrazione per i  lavoratori di Fabbrica Italia Pomigliano. Lo stabilimento Fiat di Pomigliano infatti, dove si costruisce la nuova Panda, si fermerà per altre due settimane a cavallo tra novembre e dicembre.

Published in Lavoro

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]