×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/dazebaonews.it/httpdocs/images/lampedusa

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/lampedusa

Sabato, 20 Agosto 2011 20:36

Lampedusa. Sbarchi che lasciano un segno indelebile nel tempo. LE FOTO ESCLUSIVE

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

MILANO - Colpita da diversi anni da questa tragedia umana, fatta di storie strazianti, da viaggi della speranza verso un apparente mondo migliore mi sono sentita in dovere di approfondire i mie interogativi attraverso questa  testimonianza fotografica.  Queste immagini sono state realizzate due anni e mezzo fa.

All'epoca il centro di prima accoglienza di Lampedusa era  completamente deserto, poichè su decisione del ministero degli Interni, tutti gli sbarchi erano stati dirottati altrove o le persone a bordo rispedite tempestivamente nei loro luoghi d'origine, spesso in violazione di tutti gli accordi della comunità europea. Insomma bisognava far capire che gli sbarchi di Lampedusa erano  cessati. Quale triste follia, se pensiamo ai giorni nostri, che si ripete costantemente  nella sua  implacabile crudeltà e indifferenza mentre la tragedia passa inosservata sotto gli occhi di tutti.

La mia scelta fotografica si svolge sull'assenza completa di volti, ma si incammina sul sentiero delle  tracce lasciate dal passaggio di uomini e donne, nel loro doloroso viaggio di salvezza e di speranza. Come il cimitero delle barche sulla collina assolata di Lampedusa. Una scenografia inquietante che vuole raccontare la terribile odissea che molti profughi hanno dovuto affrontare prima di raggiungere la terra ferma..

Segmenti di vita  all'interno di un centro di prima accoglienza completamente vuoto, ma sulle cui mura sono rimasti indelebili i segni di un passaggio dove la sofferenza è diventata una costante percettibile nello spazio e nel tempo, quasi volesse urlarci: "Io qui c'ero"



Le immagini di Agnes Spaak
Clicca sulla foto per aprire la galleria fotografica
{gallery}lampedusa{/gallery}

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]