Giovedì, 20 Aprile 2017 12:17

Cento giovani a Reggio Emilia studiano come salvare l’Europa con ‘School of democracy’ Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

REGGIO EMILIA – Come riaffermare la democrazia in Europa e nel mondo per contrastare l’avanzata di movimenti estremisti, populisti e xenofobi.

Di questo ragioneranno oltre 100 giovani europei, riuniti da ieri a Reggio Emilia per la terza edizione della “School of Democracy”, la scuola di politica organizzata dal gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo. La manifestazione promossa da Gianni Pittella, presidente del gruppo S&D dell’Europarlamento, vedrà tre giorni pieni di attività con workshop e dibattiti con deputati europei, responsabili politici e giornalisti, con cui i giovani si confronteranno sulla propria visione dell’Europa, proponendo nuove soluzioni alle questioni affrontate. “A partire dal voto sulla Brexit della scorsa estate è chiaro che lo status quo non è più un’opzione. L’Europa ha bisogno di un nuovo patto e di una nuova visione che consenta ai rimanenti 27 Stati membri di andare avanti più uniti e forti che mai“, afferma Pittella, che ha aperto questa sera i lavori della scu ola. “Questa unità- prosegue- è essenziale per noi, per affrontare le serie sfide che si confrontano con il progetto europeo, che siano le continue crisi umanitarie ai nostri confini o la rinascita di forze populiste e nazionaliste sul nostro continente e oltre. Il bisogno di innalzare i nostri pensieri e valori non è mai stato così forte: ecco perché siamo qui questa settimana”. Per Pittella, dopo l’elezione di Trump, e il consenso delle politiche di destra di Le Pen, Orban, “l’Europa é sotto attacco. La democrazia a rischio. La School of Democracy a Reggio Emilia vuole essere un momento a sostegno di chi nel mondo si batte per la democrazia e per i diritti umani, come fece Giulio Regeni. Rafforziamo l’Unione europea se vogliamo rilanciare la speranza di un futuro democratico”. Scendendo nel dettaglio nel programma, nella sede reggiana dell’Università di Modena e Reggio Emilia di viale Allegri interverranno nel corso delle giornate anche il presidente del Partito Socialista europeo, Sergei Stanishev e il sindaco di Reggio Luca Vecchi. Ospiti d’eccezione di questa edizione sono Paola e Claudio, i genitori di Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano torturato e assassinato al Cairo quasi un anno fa, che saranno ospiti della “scuola” (venerdì dalle 15 alle 17.30) e a seguire in una cerimonia in municipio. Dalla Malesia (sempre venerdì dalle 9.30 alle 12.30) arriverà invece Howard Lee, uno dei leader dell’opposizione incarcerato qualche mese fa. Oggi è inoltre prevista una visita dei partecipanti alla scuola all’Istituto Alcide Cervi, luogo simbolo della resistenza antifascista italiana. Nelle due ultime edizioni della Scuola di Democrazia, i giovani europei hanno discusso, tra l’altro, di Stato di diritto, economia circolare e lotta al populismo, contribuendo a sottoscrivere una dichiarazione per un’Europa più sostenibile e progressista che è stata poi adottata dallo stesso gruppo S&D presieduto da Gianni Pittella. Quest’anno verranno invece esplorate le “radici” della democrazia, analizzando ad esempio la situazione in Nord Africa, a sei anni dalla “primavera araba”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077