Martedì, 09 Maggio 2017 12:24

14 maggio Appia Day. La Regina Viarium aperta solo a pedoni e ciclisti

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Oltre 120 eventi, tutti i monumenti gratuitamente aperti al pubblico, passeggiate,  ciclotour iniziative per bambini, degustazioni di prodotti tipici e tanta buona musica per scoprire l’Appia Antica e rilanciare il sogno di “un unico parco archeologico capitolino dall’Appia Antica ai Castelli Romani”

Domenica 14 maggio l’Appia Antica svela tutta la sua storia con la seconda edizione dell’Appia Day, una grande festa popolare aperta a tutti e pensata per far scoprire o riscoprire, a piedi e in bici, la grande Regina Viarium. Nel tratto romano della consolare, costruita nel 312 a.C., tra l’ex Cartiera Latina e il Mausoleo di Cecilia Metella, il 14 maggio si terranno oltre 120 eventi con l’eccezionale apertura gratuita di tutti i monumenti che costeggiano il Cammino dell’Appia, i ciclotour lungo la via consolare, il parco della Caffarella e un tratto del percorso del GRAB; le visite guidate e narratori d’eccezione come l’ex sindaco Francesco Rutelli. Ed ancora la giornata dell’Appia Day sarà animata da performance teatrali, degustazioni con prodotti di Slow Food per scoprire la variegata biodiversità, anche agricola, del ricco territorio che l'Appia attraversa, l'Agro romano, che fa di Roma il primo comune agricolo d'Europa. Ci saranno, inoltre, iniziative per bambini, mostre fotografiche come quella dedicata a Cederna e tanta buona musica: dai cori polifonici della scuola musikè all’Orchestra di Musica Tradizionale di Testaccio dai complessi bandistici ai gruppi folk dei comuni della Regina Viarium.  

L’ingrediente di base di questa speciale domenica sarà, infatti, la chiusura alle auto dell’antica strada romana riservandola esclusivamente a pedoni e ciclisti, per ribadire l’importanza di una mobilità nuova e sostenibile anche nelle grandi città a partire da Roma (metropoli poco bike friendly dove solo 5 persone su mille usano la bici) e rilanciare il sogno  di Antonio Cederna, quello di trasformare la grande Regina Viarium in “un unico parco archeologico capitolino dall’Appia Antica ai Castelli Romani”. Un sogno e un obiettivo condiviso da decine di migliaia di persone, almeno 50mila, che lo scorso anno hanno invaso e partecipato alla prima edizione dell’Appia Day.  

L’evento, organizzato per il secondo anno consecutivo da una vasta rete di associazioni – tra cui Legambiente, Touring Club Italiano, Federtrek, Italia Nostra e VeloLove – e con la collaborazione di Roma Capitale, della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, del Parco Archeologico dell’Appia Antica, del Parco Regionale dell’Appia Antica col patrocinio di Regione Lazio, Mibact, Mit, Enit e Ama- è stato presentato questa mattina a Roma nel corso della conferenza stampa organizzata nei Mercati di Traiano e che ha visto, oltre ai rappresentanti delle associazioni del Comitato Promotore Appia Day, la partecipazione di Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente, Gregorio Arena, Consigliere Touring Club Italiano, Aberto Fiorillo, Coordinatore Comitato Promotore Appia Day, Rita Paris, Direttrice Parco Archeologico Appia Antica, Alma Rossi, Direttrice Parco Regionale Appia Antica.  

“Come l'antica consolare metteva in relazioni territori e genti diverse – ha dichiarato Aberto Fiorillo, Coordinatore Comitato Promotore Appia Day -, così l’Appia Day ha inaugurato un cammino che ha messo insieme una bella rete di persone, comitati, realtà associative e istituzionali tutti impegnati nel dimostrare che il progetto di Cederna di un unico parco archeologico capitolino è ancora oggi la leva per innalzare la qualità dell’intera città. Che questo grande triangolo di storia e paesaggio che dal Campidoglio si apre verso i Castelli, dopo più di un secolo di saccheggio edilizio dell’agro, è l’unica relazione rimasta tra città antica e campagna romana e l’ultima possibilità per una dignitosa forma urbis della Città metropolitana. Che Roma e i romani, celebrando domenica 14 maggio in modo festoso il fascino e l’incanto della strada più bella del mondo, vogliono riappropriarsi dell’Appia Antica e del proprio passato guardando al futuro, per costruire insieme la Capitale e il Paese di domani”.  

Il 14 maggio all’Appia Day parteciperanno diverse amministrazioni e realtà istituzionali attraversate dall’originario percorso dell’Appia Antica: Ciampino, Marino, Albano Laziale, Ariccia, Velletri, Cisterna di Latina, Latina, Terracina, Fondi, Gaeta, Minturno, Mondragone, Falciano del Massico, Caserta, S.Prisco, Francolise, Capua, S.Maria Capua Vetere, S.Maria a Vico, Calvi, Mirabella Eclano, Calitri, Taranto e Mesagne. Parteciperanno, inoltre, i Presidenti dell’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, del Parco Naturale Regionale Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo (provincia di Brindisi) e del Parco dei Castelli Romani. I sindaci di questi Comuni rappresenteranno il loro territorio intervenendo la mattina del 14 maggio davanti a Cecilia Metella con il loro gonfalone e la loro banda e portando anche tanti buoni prodotti locali da gustare e apprezzare nei vari stand. Oltre agli eventi organizzati soprattutto a Roma, cuore dell’Appia Day, ci saranno altri appuntamenti in programma anche nei diversi comuni del centro e sud Italia attraversati dall’antica Appia: ad esempio i comuni di Santa Maria Capua Vetere, San Prisco, Curti, San Tammaro e Capua organizzeranno visite guidate lungo i monumenti che si trovano lungo l’Appia.  

Su http://www.appiaday.it/, sulla pagina fb e su profilo twitter – si potrà consultare il calendario completo

Last modified on Martedì, 09 Maggio 2017 12:26

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208