Giovedì, 27 Luglio 2017 19:42

A passi di biodiversità

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nell’ambito della mostra promossa dal Ministero dell’Ambiente un’area dedicata al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano per far conoscere le bellezze naturalistiche del territorio

Una mostra singolare a tutela della biodiversità e dell’Ambiente: questa l’iniziativa che il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare presenterà nel Museo Archeologico Provinciale di Potenza dal 29 Luglio al 14 Ottobre 2017.

Una location appropriata per dare risalto all’immenso patrimonio naturalistico, ambientale e paesaggistico del territorio dell’Area protetta lucana e che vede in prima linea il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano con una sezione dedicata alle sue bellezze naturali e culturali ancora poco conosciute. Il visitatore, accompagnato in un entusiasmante viaggio virtuale, avrà così modo di conoscere ed approfondire le azioni di tutela e conservazione, di studio e ricerca che negli anni sono state portate avanti, su molte delle specie faunistiche nidificanti in essa - tra queste la rara cicogna nera - o sulle specie floristiche che trovano nelle sue praterie il loro habitat naturale, come le meravigliose orchidee selvatiche. Prima pubblicazione realizzata in tale ambito l’”Avifauna nidificante” di Egidio Fulco, un interessante libro che analizza in dettaglio tutte le specie presenti all’interno del parco con statistiche di estinzione e di nidificazione, consegnato ai convenuti nella conferenza stampa di presentazione della Mostra, alla presenza del presidente del Parco, Domenico Totaro, dei Senatori Salvatore Margiotta e Massimo Caleo, ferventi sostenitori delle politiche su ambiente e bio-diversità,  e di rappresentanti della Regione Basilicata.

Le politiche della conservazione, il recupero di specie, ma anche l’atteggiamento delle popolazioni che vivono nelle Aree protette sono gli input che hanno assimilato numerosi esponenti del sistema delle Aree protette italiane a diffondere il valore del vivere in un ambiente di qualità, rispettando la Natura e gli Animali che geograficamente le appartengono. 

“La biodiversità troppo spesso è vista come una questione solo per specialisti ed appassionati- ha dichiarato Totaro -  come se non riguardasse la nostra vita quotidiana e le scelte politiche sul futuro del paese. Secondo un’indagine di Eurobarometro la maggioranza dei cittadini europei ritiene che la perdita di biodiversità sia un problema grave ma pensa che non lo riguardi personalmente e, secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente, solo 1/3 dei cittadini europei conosce il significato della parola biodiversità. In questo la mostra, raccontando i successi e le nuove sfide, vuole far crescere a tutti i livelli di responsabilità la consapevolezza sui rischi e sugli obiettivi che si possono perseguire, e pone a noi una domanda precisa: la ricchezza della natura con la sua incredibile bellezza, è oggi una risorsa a disposizione per il rilancio del Paese?”

“Senza dimenticare – continua il presidente del Parco - le valenze storiche, ambientali, naturalistiche con le numerose specie floristiche e faunistiche dell’Area protetta lucana, che costituiscono un patrimonio collettivo di inestimabile valore per le attuali e future generazioni che dovrà essere ancora più conosciuto, divulgato ed appezzato affinché si inneschi, da parte di tutti, una reale e sentita tutela e promozione”. 

Valorizzare la biodiversità ed i servizi ecosistemici è dunque la parola d’ordine per porre il capitale natura al centro dello sviluppo sostenibile e della qualità della vita. In questo senso, visitare questa interessante esposizione, unica nel suo genere, è un modo non solo di acculturarsi sulla fauna presente in un territorio ma anche di contribuire alla difesa di una Natura incontaminata nel rispetto della vita stessa.

 

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Racconto di mezz’estate: Lago di Bracciano, Loch Ness di Virginia

Che fine ha fatto quello spicchio di riviera che dal largo appariva come quinta verde di un teatro che inscenasse una favola di fate e gnomi? L’ha ingoiato il lago...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Bruno Trentin e il coraggio dell'impopolarità

Se ne è andato dieci anni fa, con la furia di un ragazzo: la stessa con la quale, del resto, aveva sempre vissuto e affrontato la sua avventura di sindacalista...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208