Martedì, 22 Agosto 2017 13:03

In Italia si muore per un terremoto che in altre parti del mondo non desterebbe la minima preoccupazione Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA  - "In Italia si muore per un terremoto che in altre parti del mondo non desterebbe la minima preoccupazione. E' l'impietosa considerazione da fare dopo quanto accaduto a Ischia, dove un sisma con una magnitudo decisamente contenuta ha prodotto vittime, feriti, crolli, panico.

Al netto delle peculiarita' geologiche di quel territorio, che rendono il sottosuolo particolarmente fragile, non si puo' non rimarcare come l'isola nel corso dei decenni sia stata sottoposta a una sistematica speculazione edilizia: si e' costruito anche la' dove leggi e buon senso non lo avrebbero permesso e, in molti casi, lo si e' fatto di fretta, utilizzando materiali e tecniche di scarsa qualita' e senza prevedere alcun accorgimento antisismico nonostante i numerosi precedenti, almeno uno dei quali entrato nell'immaginario collettivo". Lo dichiara l'ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l'universita' Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA. "La vocazione turistica dell'isola ha amplificato i classici fenomeni di abusivismo che caratterizzano da sempre il nostro Paese: allo spontaneismo edilizio fatto di prime e seconde case, si e' aggiunto quello altamente impattante della ricettivita' alberghiera, enogastronomica e ricreativa, che ha comportato una cementificazione abnorme del suolo. Solo per il Comune di Ischia sono state presentate 7.235 domande di condono in 30 anni, 4.408 delle quali risultavano ancora da evadere ad aprile dello scorso anno: molte di queste si riferiscono ad abusi che non possono essere sanati e che quindi, qualora le istanze fossero esaminate, sfocerebbero in ordinanze di demolizione. Senza dimenticare - prosegue Simoncini - che cio' significa anche che migliaia di edifici sono sprovvisti dell'agibilita' e delle altre certificazioni. Ma che non si voglia combattere seriamente certi fenomeni lo testimoniano anche la recente legge varata proprio dalla regione Campania, il disegno di legge Falanga o la clamorosa defenestrazione del sindaco di Licata da parte del Consiglio comunale. Va necessariamente rovesciata la logica perversa che subordina l'agire politico e amministrativo alla ricerca di consenso e, allo stesso tempo, c'e' bisogno di un salto di qualita' culturale da parte dei cittadini: la legalita' e il rispetto delle regole vanno visti come valori da cui non si puo' prescindere. Altrimenti la conta dei morti, anche per eventi di portata sulla carta trascurabile, non avra' mai fine".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nell’Italia che non legge, dilaga la “ringraziamentite”.

Gli scrittori di oggi hanno copiato dai titoli di coda dei film di ieri il vezzo di ringraziare tutti quelli che hanno collaborato alla fattura del film, fino all’ultimo elettricista...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208