Venerdì, 20 Aprile 2012 21:43

Benzinaio reagisce e rapinatori gli sparono. E' gravissimo

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

LATINA - Ha cercato di opporsi a una rapina e per questo un benzinaio è ora in gravi condizioni dopo essere stato colpito da alcuni colpi di pistola esplosi dai due rapinatori.

È finita così nel sangue una rapina avvenuta nel pomeriggio al distributore di benzina «Fiamma 2000 lungo» la via Appia, nel territorio di Sezze, in provincia di Latina. Grazie alle telecamere di videosorveglianza e alle testimonianze la polizia è riuscita in meno di due ore ad arrestare i responsabili. I due rapinatori, pistola in pugno, si sono presentati in sella a uno scooter, con caschi integrali e passamontagna sulla testa. Hanno raggiunto gli uffici dell'area di servizio e con la minaccia della pistola si sono fatti consegnare dal benzinaio il denaro contenuto in cassa, un bottino di circa 2 mila euro. Ma proprio quando stavano per rimontare in sella per fuggire, il benzinaio, un ragazzo di 26 anni, ucraino, ha tentato un'inaspettata reazione. Insieme ad un amico, suo connazionale, che in quel momento si trovava nell'area di servizio, prima ha cercato di afferrare uno dei rapinatori, poi ha lanciato nella direzione dello scooter in fuga una sedia e un estintore.

 

Un gesto che ha scatenato la follia dei due uomini. Cinque colpi sono partiti da una calibro 7,65, uno dei quali ha raggiunto il 26enne all'addome e un altro ha ferito alla gamba sinistra l'amico, di 36 anni. I due rapinatori hanno proseguito la loro fuga, dopo aver abbandonato lo scooter poco lontano dal distributore. La caccia all'uomo è durata meno di due ore: dalla statale Appia si è conclusa poco lontano dal centro di Latina, dove entrambi sono stati individuati e arrestati dalla squadra mobile e dalla volante. In manette, per rapina e tentato omicidio, sono finiti Carlo Peluso e Daniele Nardone, entrambi 31enni e già noti alle forze dell'ordine e gravati da precedenti per rapina. Il primo ha tentato la fuga ma è stato rintracciato poco dopo in casa di una parente, negli appartamenti popolari di via Helsinki, dove si era rifugiato. Il secondo è stato invece rintracciato nel suo appartamento in zona Campo Boario, dove gli investigatori, guidati dal vicequestore Cristiano Tatarelli, hanno ritrovato anche la calibro 7,65 usata per il colpo. Le indagini-lampo sono state supportate grazie alle testimonianze raccolte e ai filmati dell'impianto di videosorveglianza che ha immortalato la sequenza della rapina. Il 26enne si trova ora in gravi condizioni all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077