Venerdì, 14 Aprile 2017 12:08

Mafia, arrestato in Toscana latitante Bonaccorsi Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La polizia di Stato ha arrestato il boss latitante Concetto Bonaccorsi, 56 anni, noto come "'u carateddu", ricercato dal settembre 2016 quando non rientro' nel carcere di Secondigliano (Napoli) dopo un permesso premio di tre giorni.

Condannato all'ergastolo per omicidio, associazione mafiosa e traffico di stupefacente e' lo storico capo dell'omonima 'famiglia' del clan Cappello-Bonaccorsi. Indagini di personale della Squadra Mobile di Catania hanno consentito di rintracciarlo in una villa di Massa e Cozzile dove e' stato arrestato in collaborazione con la polizia di Stato di Pistoia. Particolari sulla sua cattura saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terra' alle 10.30 nella Questura di Catania.

Considerato con il fratello Ignazio a capo dei 'Carateddi', ritenuta una frangia 'armata' del clan Cappello legata ai 'Cursoti', Concetto Bonaccorsi e' stato catturato in una casa al secondo piano della frazione di Traversagna di Massa e Cozzile, in provincia di Pistoia. Si era reso irreperibile a conclusione di un permesso premio all'opera 'Don Guastella' di tre giorni, dal 23 al 26 settembre 2016, quando non era rientrato nel carcere Secondogliano di Napoli. Da una decina di giorni agenti della squadra mobile di Catania si erano trasferiti in Toscana alla ricerca del suo covo. Durante un sopralluogo nella zona, ieri pomeriggio, hanno riconosciuto la moglie affacciata su un balcone, sul quale poco dopo hanno visto il boss preparare un barbecue. Personale delle squadri mobili di Catania e Pistoia hanno circondato l'edificio e fatto irruzione. Concetto Bonaccorsi non ha opposto resistenza. 

Nella casa sono state trovate una carta di identita' e una patente di guida intestati a un catanese. Dopo la notifica del provvedimento restrittivo emesso dalla Procura generale di Milano per una condanna all'ergastolo per omicidio, associazione mafiosa e traffico di droga, il boss e' stato condotto nel carcere di Prato. Tra i tanti casi in cui e' stato implicato anche quello dell'uccisione di Marco De Zorzi, avvenuta il 21 aprile del 1993 a Cassalnovo (Pavia). In quell'occasione rimase bloccato nell'ascensore e catturato in flagranza di reato. Processato e' stato condannato a 23 anni e nove mesi di reclusione. A Milano, il 6 febbraio del 2001, e' stato condannato a 30 anni per l'omicidio di Angelo Maccarrone, commesso il 18 dicembre 1990. Insieme al fratello Ignazio e' stato processato, ma lui prosciolto, dall'accusa di avere assassinato, il 21 febbraio del 1991, Giovanni Durante e Moreno Bennici, uccisi e i corpi gettati nella discarica di Robassomero (Torino) perche' 'colpevoli' di avere rubato l'auto al boss Bonaccorsi. In quell'occasione, l'11 settembre del 1991, fu arrestato poco prima di sposarsi nel Municipio di Valverde (Catania), ma il matrimonio fu celebrato lo stesso. E' stato coinvolto nelle operazioni antimafia Cuspide (1996) e Revenge (2009) e condannato all'ergastolo il 18 febbraio del 2000 con il capomafia 'Jimmy' Miano per l'omicidio di Angelo Barbera, che era a capo dei 'Cursoti' a Catania. Il delitto, commesso il 18 gennaio del 1991, diede vite a una sanguinosa faida mafiosa che, quell'anno, fece registrare oltre 100 morti ammazzati. Le indagini della squadra mobile sono state coordinate dalla Procura distrettuale di Catania. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Mafia capitale: è ora di modificareil 416 bis

Crolla l'associazione di stampo mafioso. Così hanno stabilito i giudici del tribunale penale di Roma a conclusione del processo denominato “Mafia Capitale”. Da qui a dire che a Roma non ci...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Scontro fra titani: Cicciolina contro Di Maio

Nella sua personale crociata contro i vitalizi dei parlamentari, Luigi di Maio ha avuto l’ardire di citare Ilona Staller, la popolare Cicciolina che nel 1987 fu eletta deputata ed entrò...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208