Sabato, 17 Giugno 2017 09:42

Narcotrafficante napoletano catturato in Polonia, aveva iniziato una seconda vita

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

NAPOLI - Latitante da sei anni, condannato con sentenza definitiva a 10 anni e 11 mesi di reclusione per traffico internazionale di stupefacenti nel 2015, Antonio Cella, 45 anni, si era rifatto una vita in Polonia sotto falso nome, ma i carabinieri della "catturandi" di Napoli, con la Police Central Bureau polacca, coordinati dall'Ufficio dell'esperto per la sicurezza all'Ambasciata d'Italia a Varsavia, lo hanno localizzato e tratto in arresto a Glogow.

Cella è ritenuto contiguo al clan camorristico dei "Contini", operante nei quartieri napoletani del Vasto e dell'Arenaccia, nonché al gruppo criminale dei "De Tommaso" di Forcella. Di lui, vero e proprio "broker" per l'importazione di droga da Olanda e Spagna, si erano perse le tracce a partire dal 2011. 

 I militari hanno scoperto che da oltre 4 anni si era creato una seconda vita in Polonia, a Glogow, cittadina di circa 70.000 abitanti al confine con la Germania, dove ha vissuto sotto falso nome insieme con la compagna e la figlia di 4 anni, vendendo porta a porta elettrodomestici e prodotti di elettronica. Quando i reparti speciali hanno fatto irruzione insieme con i Carabinieri, si è rivolto a questi ultimi chiedendo se fossero della "Pastrengo", la sede del nucleo Investigativo di Napoli. Ricevuta risposta affermativa, non ha nemmeno provato a usare i 2 documenti falsi che gli avevano consentito di avviare la sua seconda esistenza che, tra l'altro, risultava sconosciuta ai familiari italiani così come della sua vita partenopea non era al corrente la compagna polacca. La donna era all'oscuro dei trascorsi giudiziari e, secondo quanto riferiscono i carabinieri, è rimasta incredula di quanto le è stato raccontato e dei motivi per i quali stavano portando via il suo uomo italiano.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077