Venerdì, 30 Giugno 2017 12:03

Yara Gambirasio: Bossetti proclama la sua innocenza all’appello

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

BRESCIA - Nell'aula al piano terra del tribunale di Brescia si ripercorrono le fasi del delitto della 13enne Yara Gambirasio - scomparsa il 26 novembre 2010 da Brembate - e di un processo che, al termine di un'indagine senza pari, ha portato all'arresto e alla condanna all'ergastolo in primo grado per Massimo Bossetti.

Oggi il muratore di Mapello torna davanti ai giudici per ribadire la propria innocenza e per chiedere di concedere la perizia sul Dna, negata dai giudici di Bergamo.  La prima tappa del processo che si celebra davanti alla corte presieduta da Enrico Fischetti - accanto il giudice a latere Massimo Vacchiano e sei giudici popolari - riparte con la relazione che sintetizza gli elementi della sentenza e i motivi d'appello, un sunto dei 34 faldoni di cui si compone un'inchiesta senza pari con oltre 118mila utenze di cui sono stati acquisiti i tabulati, più di 25mila profili genetici acquisti da polizia scientifica e Ris, ricerche ininterrotte per tre mesi fino al ritrovamento del corpo senza vita nel campo di Chignolo d'Isola e di quella traccia genetica mista - della vittima e di Ignoto 1 - che segna una svolta e porta dritto a Bossetti. 

Il calendario dell'appello sarà serrato: dopo oggi si torna in aula il 6 luglio, il 10 e il 14 luglio, il 17 luglio è prevista "un'udienza di riserva". Il prossimo 14 luglio dunque i giudici di Brescia potrebbero già decidere se confermare l'ergastolo per Bossetticondannato per omicidio volontario pluriaggravato o concedere invece la perizia sul Dna. E in quella traccia genetica mista della vittima e dell'imputato trovato sul corpo della 13enne (sui leggings e gli slip), sulla corrispondenza del Dna nucleare di Bossetti ma sull'assenza del Dna mitocondriale dell'imputato che ruota l'intero caso.  Nell'aula vietata a cellulari e tablet - non è stato rilevato l'interesse particolarmente rilevante del caso e sono state bandite le telecamere che potrebbero turbare il sereno svolgimento del processo, secondo una precisa ordinanza della corte - sono ammessi solo i classici registratori o carta e penna. Tre file di sedie sono riservate alla stampa, poco meno di cento i curiosi ammessi che continuano a dividersi tra colpevolisti e innocentisti che scrutano Bossetti, seduta accanto ai suoi avvocati. Presente anche la moglie Marita, la mamma Ester e la sorella Laura. I genitori di Yara, mamma Maura e papà Fulvio, sono invece assenti, una scelta già adottata in primo grado per evitare l'assalto dei giornalisti.  (Afe/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 30-GIU-17 10:50 NNNN

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Cate Blachett: “Quale Presidente di giuria non posso che sentirmi umi…

CANNES - L’attrice australiana Cate Blanchett presiederà la 71ma edizione del festival di Cannes che cadrà nel maggio 2018. “Torno a Cannes dopo anni come attrice e produttrice, per le...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Garrincha e Audrey Hepburn: il giorno in cui morì la bellezza

Per una di quelle strane coincidenze della vita, a dieci anni l'uno dall'altra, ci hanno detto addio Garrincha, funambolo brasiliano così chiamato in quanto i suoi passi in campo somigliavano...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077