Venerdì, 30 Giugno 2017 12:03

Yara Gambirasio: Bossetti proclama la sua innocenza all’appello

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

BRESCIA - Nell'aula al piano terra del tribunale di Brescia si ripercorrono le fasi del delitto della 13enne Yara Gambirasio - scomparsa il 26 novembre 2010 da Brembate - e di un processo che, al termine di un'indagine senza pari, ha portato all'arresto e alla condanna all'ergastolo in primo grado per Massimo Bossetti.

Oggi il muratore di Mapello torna davanti ai giudici per ribadire la propria innocenza e per chiedere di concedere la perizia sul Dna, negata dai giudici di Bergamo.  La prima tappa del processo che si celebra davanti alla corte presieduta da Enrico Fischetti - accanto il giudice a latere Massimo Vacchiano e sei giudici popolari - riparte con la relazione che sintetizza gli elementi della sentenza e i motivi d'appello, un sunto dei 34 faldoni di cui si compone un'inchiesta senza pari con oltre 118mila utenze di cui sono stati acquisiti i tabulati, più di 25mila profili genetici acquisti da polizia scientifica e Ris, ricerche ininterrotte per tre mesi fino al ritrovamento del corpo senza vita nel campo di Chignolo d'Isola e di quella traccia genetica mista - della vittima e di Ignoto 1 - che segna una svolta e porta dritto a Bossetti. 

Il calendario dell'appello sarà serrato: dopo oggi si torna in aula il 6 luglio, il 10 e il 14 luglio, il 17 luglio è prevista "un'udienza di riserva". Il prossimo 14 luglio dunque i giudici di Brescia potrebbero già decidere se confermare l'ergastolo per Bossetticondannato per omicidio volontario pluriaggravato o concedere invece la perizia sul Dna. E in quella traccia genetica mista della vittima e dell'imputato trovato sul corpo della 13enne (sui leggings e gli slip), sulla corrispondenza del Dna nucleare di Bossetti ma sull'assenza del Dna mitocondriale dell'imputato che ruota l'intero caso.  Nell'aula vietata a cellulari e tablet - non è stato rilevato l'interesse particolarmente rilevante del caso e sono state bandite le telecamere che potrebbero turbare il sereno svolgimento del processo, secondo una precisa ordinanza della corte - sono ammessi solo i classici registratori o carta e penna. Tre file di sedie sono riservate alla stampa, poco meno di cento i curiosi ammessi che continuano a dividersi tra colpevolisti e innocentisti che scrutano Bossetti, seduta accanto ai suoi avvocati. Presente anche la moglie Marita, la mamma Ester e la sorella Laura. I genitori di Yara, mamma Maura e papà Fulvio, sono invece assenti, una scelta già adottata in primo grado per evitare l'assalto dei giornalisti.  (Afe/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 30-GIU-17 10:50 NNNN

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Roma. “La grande monnezza”, decalogo di un degrado da Oscar

Paolo  Sorrentino non ce ne voglia, ma il titolo del suo fortunato film non poteva non diventare il punto di partenza di una serie di calembour che giocano sulla rima...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Roma, “la grande secchezza”

I primi ad accorgersi del problema sono i turisti, che non trovano più le celebri fontane di Roma dove sguazzare per rinfrescarsi dopo il tour de force fra Colosseo, Foro...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208