Mercoledì, 04 Aprile 2012 13:43

Imprenditore si uccide. La sua azienda era in fallimento

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Ancora un altro drammatico suicidio legato al periodo di crisi che l'Italia sta attraversando.  Un imprenditore di 59 anni si è ucciso sparandosi un colpo di fucile nel primo pomeriggio a Roma.

L'uomo ha lasciato una lettera in cui, chiedendo scusa ai familiari, attribuiva il suo gesto alle difficoltà economiche. L'azienda di costruzioni e progettazione di alluminio del 59enne era in fallimento e alcuni dipendenti erano già finiti in cassaintegrazione. A trovare l'uomo rientrando a casa nell'appartamento in via del Cottanello è stato il figlio di 19 anni. Sul posto gli agenti del commissariato Sant'Ippolito e la polizia scientifica.

Last modified on Giovedì, 19 Aprile 2012 16:59

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

La chimica è ovunque. E resiste anche alla crisi

La filiera chimica, con il motore della ricerca e dello sviluppo perennemente acceso, non trasferisce solo prodotti ma anche tecnologia e innovazione, aumentando la competitività dei settori a cui sono...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Cambia il clima e l’alimentazione. Ecco cosa mangeremo nel futuro

Il clima sta mutando. La Terra si fa sempre più affollata. E con una popolazione globale che supererà i nove miliardi e mezzo di esseri umani entro il 2050, anche...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077