Menu
Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

L’Alitalia punta a ridurre nuovamente i costi e tagliare il...

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

ROMA - Si va via " normalmente per una somma...

Usa: Trump contro i transgender

Usa: Trump contro i transgender

Revocate le linee guida che consentono  di utilizzare i bagni...

Teatro Palladium. “Il pellicano”,  un mondo in frantumi. Recensione

Teatro Palladium. “Il pellicano”, un mondo in frantumi. Recensione

C’è qualcosa di sorprendentemente contemporaneo nella dimensione drammatica de Il...

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

ROMA - Nel 2017 le crisi in corso peggioreranno a...

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

PARIGI - Parigi se la passa male, almeno per quel...

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

TARANTO - (AdnKronos) - Sono stati confermati gli ergastoli per Cosima...

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

Tona in scena dopo trent’anni, grazie a Walter Pagliaro, al...

Prev Next

CRONACA DAL PASSATO

Cronaca dal passato

Verona 1900. Il macabro caso della donna tagliata a pezzi

 

VENEZIA - La mattina del 16 gennaio 1900 due lavandaie si trovano sulla riva sottostante il muraglione in via Rivo Battello. Menapace Maria e Perusi Luigia si conoscono bene, anche se la prima abita in vicolo Sole al numero 1, mentre la seconda risiede al numero 1 di vicolo Castel Rotto.

Leggi tutto...

L'orribile omicidio di Giovanni Stucky

VENEZIA - La Gazzetta di Venezia intitolava la mattina del 22 maggio 1910: “L'orribile assassinio del cav. Giovanni Stucky. Ucciso con un colpo di rasoio a pochi passi dal figlio ingegner Gian Carlo mentre entrava nella stazione ferroviaria. La folla indignata tenta di fare giustizia sommaria. L'enorme luttuosa impressione a Venezia”.

Leggi tutto...

Deeming il pluriomicida che si accusò di essere Jack lo Squartatore

VENEZIA - “Da Perth: Demming confessa di essere l'autore degli assassini di Rainhill e degli ultimi due a Whitechapel. Nulla disse degli altri nove o dieci che furono commessi nello stesso gran sobborgo operaio di Londra”. Iniziava cosi un articolo del Gazzettino lunedi 28 marzo 1892. 

Leggi tutto...

Un volo di 13 metri 1892

“Toni ti me fa mal !”. Una flebile protesta. Sul letto un limone a spicchi. Poi il silenzio ed un volo di tredici metri. Quando il delegato Basilicò e il maresciallo delle guardie Bortolotti salgono la lunga scala che dalla Calle del Campanile a San Polo da accesso ad uno degli appartamenti del palazzo è la sera del 29 febbraio del 1892.

Leggi tutto...

Venezia 1887. Marito geloso uccide la moglie e il preteso amante

VENEZIA - Un uomo entra in un caffè con passi tranquilli e decisi come se il locale gli fosse familiare. Chi è seduto lo riconosce subito, si chiama Antonio Rossetti e non è un caso che conosca quel locale, visto che il caffè “La fama” era suo fino a pochi mesi prima. La Fama si trova sulla riva poco distante dall'Arsenale ed a dieci minuti da Piazza San Marco.

Leggi tutto...

Venezia 1646. Lo strano caso del parricidio

VENEZIA - Il 1646 per Venezia è un anno molto particolare. La paura dei Turchi si fa sentire quando il sultano decide che Creta doveva tornare mussulmana. Si elegge doge Francesco Molin il quale inizia a far fortificare il Lido, Malamocco, alcune zone della Dalmazia ed il Friuli.

Leggi tutto...

Cronaca dal passato. Magia e veleni a San Francesco della Vigna di Venezia

VENEZIA - Spesso si è affermato che la Serenissima ebbe un diretto controllo sullo Stato Pontificio e sopratutto sul Santo Uffizio. Ma quando qualcosa accadeva all'interno del clero anche Venezia non si intrometteva e lasciava che se la sbrigassero tra di loro. Questo processo rivela le trame occulte che anche in un piccolo ordine, come quello francescano, potevano nascere.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208