CRONACA DAL PASSATO

Cronaca dal passato

VENEZIA - In questi giorni assistiamo a vari dibattiti sulla metodologia seguita nelle indagini dei casi più eclatanti di cronaca, dal caso Yara al caso Scazzi. Durante il periodo della Serenissima, le indagini, erano svolte con i pochi mezzi messi a disposizione dalle conoscenze scientifiche di quel periodo. Ciò non deve trarre in inganno però sulla procedura che, con meticolosa professionalità, era svolta. Come si legge nei bandi emessi, il reo, aveva violato non solo le leggi di Dio, ma anche quelle del Serenissimo Principe e per tale motivo doveva essere perseguito fino alla risoluzione dell'omicidio. Un caso emblematico che divenne famoso nelle cronache dell’epoca fu quello del sarto da donna Giovan Maria Milevoi.

Giovedì, 28 Aprile 2011 20:52

Venezia 1765. Un caso atroce di parricidio

Scritto da

VENEZIA - Quando il 17 aprile del 1991 Pietro Masi uccise entrambi i genitori l'opinione pubblica rimase sconvolta dell'atroce delitto. In quel parricidio vi erano paure ancestrali che affondavano le loro radici in uno degli archetipi più comuni di diverse culture e religioni. La motivazione dell'omicidio nel caso di Masi era legata all'aspetto economico. Nel caso tratto dai registri del Consiglio dei Dieci di Venezia, invece, alla base c'è solo la pura follia.

VENEZIA - Questa storia avviene nel 1592 a Venezia. L'anno 1592 per Venezia è un anno particolare, un anno da dimenticare.

Venerdì, 15 Aprile 2011 09:38

Venezia 1754. Una baby gang ante litteram

Scritto da

VENEZIA - I mass media oggi registrano sempre con maggior frequenza, casi di violenza ad opera di minorenni. Durante il periodo dell’adolescenza sembra non ci siano più modelli positivi ai quali far riferimento e i giovani tendono a deviare per imboccare la strada della criminalità. Ma questo è un fenomeno recente della nostra società ? Quanto ritrovato nell'Archivio di Stato di Venezia dimostrerebbe di no.  

Venerdì, 08 Aprile 2011 22:13

Anno 1720: l'assassino della farmacia

Scritto da

VENEZIA - Succede il 24 gennaio del 1720. Siamo a Venezia, nei pressi del ponte di Rialto, dove oggi si trova l'antica chiesa di San Mattia.

Mercoledì, 09 Marzo 2011 18:28

Venezia 1791. Uno strano caso di annegamento

Scritto da

VENEZIA - 4 dicembre 1791. Sono le nove di sera di Mercoledi. Una signora  è affacciata sul balcone di una camera sopra il rio di Ca' Vidman, nel sestiere di Cannaregio, nei pressi del Ponte della Panada della parrocchia di Santa Maria Nova.

VENEZIA - La notte dell'ultimo di gennaio 1731 del fumo usciva dalle finestre del palazzo in calle della Pegola, in corte di Ca' Rizzi, dove abitava il duca Annibale Moles.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208