CRONACA DAL PASSATO

Cronaca dal passato

Lunedì, 21 Maggio 2012 09:53

Venezia 1646. Lo strano caso del parricidio

Scritto da

VENEZIA - Il 1646 per Venezia è un anno molto particolare. La paura dei Turchi si fa sentire quando il sultano decide che Creta doveva tornare mussulmana. Si elegge doge Francesco Molin il quale inizia a far fortificare il Lido, Malamocco, alcune zone della Dalmazia ed il Friuli.

VENEZIA - Spesso si è affermato che la Serenissima ebbe un diretto controllo sullo Stato Pontificio e sopratutto sul Santo Uffizio. Ma quando qualcosa accadeva all'interno del clero anche Venezia non si intrometteva e lasciava che se la sbrigassero tra di loro. Questo processo rivela le trame occulte che anche in un piccolo ordine, come quello francescano, potevano nascere.

Venerdì, 09 Marzo 2012 15:02

Apologia di infanticidio

Scritto da

ROMA - Da qualche giorno un fatto di estrema gravità, che però non ha trovato molta eco nei media italiani, sta infuocando un dibattito sulla rete: due ricercatori italiani, Alberto Giubilini e Francesca Minerva, che stanno lavorando entrambi in Australia - il primo alla Monash University di Melbourne  e la seconda al ‘Centre for applied philosophy and public ethics’ dell’Università di Melbourne  - hanno pubblicato, sulla rivista specializzata Journal of Medical Ethics, un articolo dal titolo eloquente: “After-birth abortion: why should the baby live?” che tradotto dice: “L’aborto post-natale: perché il bambino deve vivere?”.

VENEZIA - Capire, oggi, le motivazioni di un omicidio può essere d'aiuto per una indagine investigativa.

VENEZIA - Tra i fascicoli polverosi degli archivi a volte si possono trovare alcuni tasselli che incastrandosi tra di loro compongono un puzzle molto complesso. In questo caso, alcune lettere ed alcuni libri dell'ottocento hanno ricostruito la vita di uno degli assassini più feroci della Parigi del Settecento. La sua storia si è persa nel tempo a causa dei roghi della Rivoluzione Francese ed il nostro racconto comincia proprio da quel momento.

Venerdì, 16 Dicembre 2011 12:02

Venezia 1761. La strana morte del Conte Priuli

Scritto da

VENEZIA - Oggi l'attuale metodologia di indagine investigativa prevede che sulla scena del crimine vi sia sempre la presenza del medico-legale, al fine di fornire le preziose iniziali ipotesi su modalità e causa della morte. Con l'evoluzione delle scienze, tuttavia, questa figura è coadiuvata da numerosi altri esperti ed il responsabile della scena del crimine coordina al fine di ottimizzare la quantità e la qualità delle informazioni.

VENEZIA - La razza di cani chiamata Bloodhound, conosciuta maggiormente come “cani molecolari” diventati tristemente famosi nel caso di Yara, sono oggi uno delle risorse a disposizione degli investigatori quando c'è la necessità di localizzare una persona scomparsa.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Ischia: crolli e morti causati dall’abusivismo edilizio

ROMA  - 'Esprimiamo il nostro cordoglio per le vittime del terremoto ad Ischia e vicinanza alla comunità ischitana. Ma riteniamo inaccettabile che per una scossa di non elevata intensità le...

Angelo Bonelli - avatar Angelo Bonelli

Lo Stato si consegna alle mafie

Pochi giorni fa il Procuratore Nazionale Antimafia nella sua relazione annuale sulla criminalità organizzata e sul terrorismo ha puntualizzato alcuni aspetti che in pochi hanno letto e in pochissimi hanno...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208