Venerdì, 18 Ottobre 2013 14:24

Deeming il pluriomicida che si accusò di essere Jack lo Squartatore

Scritto da

VENEZIA - “Da Perth: Demming confessa di essere l'autore degli assassini di Rainhill e degli ultimi due a Whitechapel. Nulla disse degli altri nove o dieci che furono commessi nello stesso gran sobborgo operaio di Londra”. Iniziava cosi un articolo del Gazzettino lunedi 28 marzo 1892. 

Erano passati solo alcuni anni dai terribili fatti di Londra e la leggenda di Jack the Ripper iniziava a prendere forma, portandosi appresso i primi fans del mostro.

Ma Frederick Bailey Demming non fu un semplice mitomane o un esibizionista. 

La storia di quest'uomo inizia in Inghilterra nel 1880. All'epoca Deeming era sposato con Maria e aveva due figli e decise di partire per le colonie inglesi alla ricerca di fortuna. Due anni dopo moglie e figli lo raggiungono in Australia, dove lavorava come operaio nel piombo. Si mise una prima volta nei guai con la giustizia e sebbene l'Australia fosse un paese alla frontiera della civiltà, lo arrestarono subito per furto e gli fecero scontare due mesi e mezzo di carcere. Scontata la pena decise di aprire una bottega ma non avendo il senso degli affari fece presto bancarotta.

Forse l'Australia non faceva per lui e cosi decise di ritornare nel 1889 di nuovo in Inghilterra, a Birkenhead, presso Liverpool. Ora la famiglia si era allargata e aveva ben quattro figli. 

Anche qui ebbe problemi con la polizia, l'anno successivo al suo arrivo comperò dei gioielli raggirando il venditore, nella contea di York a Hull e nello stesso periodo sposò con l'inganno una certa miss Helen Matheson, che abbandonò dopo soli quindici giorni. Arrestato per la truffa dei gioielli scontò nove mesi di carcere. 

Nel luglio del 1891 Deeming si trovava a Rainhill e sotto falso nome di Alberto Oliviero Williams prese in affitto una casa dove abitare con Maria e i quattro figli. Nel contratto d'affitto che aveva stipulato c'era una strana autorizzazione da parte dei proprietari a concedergli di coprire i pavimenti di pietra e di cementarli nel periodo di trenta giorni.

Verso il quindici dello stesso mese finito il lavoro ai pavimenti riparti nuovamente per l'Australia. 

Il 22 settembre del 1891 sposò Emily Lydia Mather e a dicembre si trasferì a Melbourne. Ma la Mather non arriverà mai a festeggiare il natale. 

Nel marzo del 1892 si trovava a Sidney e stava nuovamente per sposare una bella ragazza australiana di nome Caterina Rounswel. Ma in tutto questo che fine aveva fatto Maria e i figli? E la stessa Mather? 

Inizia qui la storia del “mostro” di Rainhill. Fin dal 3 marzo la polizia lo stava cercando perchè aveva scoperto il cadavere della Mather con il cranio fratturato. Quando l'ispettore lo arrestò iniziò a indagare sul passato burrascoso di questo strano uomo e alla domanda dove fosse la prima moglie Deeming rispose che era morta in un viaggio che avevano fatto in Africa, a Johansburg. 

Il primo problema sorgeva dal fatto che in realtà l'ispettore scoprì tutti i vari nomi falsi: Deeming, Swanston, Williams e che sebbene a Johansburg c'era veramente passato, l'anno non coincideva, avendo fatto quel viaggio ancora nell'88. Inoltre, c'erano stati altri due omicidi irrisolti in Sudafrica proprio in quel periodo. 

L'ispettore di polizia allora andò fino a Rainhill dove risultava che fosse partito con la moglie e i figli e grazie alla sua caparbietà convinse le autorità a scavare sotto quel pavimento fatto da Deeming proprio come da contratto. Sotto una spanna di cemento in cucina trovarono quello che restava dei cadaveri.

 

Il primo corpo estratto fu quello di Maria, che giaceva a pancia in giù al lato sinistro del cadavere della madre. Poi la piccola Silla che era presso il seno della stessa. Il piccolo Sydney, giaceva con il viso nella terra a destra. Infine la Berta, sdraiata sul fianco ai piedi della donna.

I figli, meno la Berta, erano in camicia e tutti erano coperti da un tappeto di qualche tavolo, da tovaglioli, da asciugamani. La madre e due dei figli avevano la gola recisa.

La figlia maggiore era stata, invece, strangolata. La sua testa era coperta da un asciugamano che le girava strettamente il collo e i cui lembi erano legati da una cordicella. La signora Deeming era avvoltolata nella coltre, legata con parecchi giri di corda, che finivano al collo e ai piedi.

La Deeming aveva una calza e lo stivaletto sul piede sinistro, indossava una sottana ricamata e una veste da camera sbottonata.

L'inquilino della casa vicino alla villa depose di non aver dubbio alcuno sul giorno dell'arrivo delle vittime a Rainhill. Secondo lui vi giunsero il 25 luglio 1891. Li rivide di domenica. Udi dei lamenti strazianti lunedi notte. Poi più nulla. La casa ridivenne un sepolcro.

 

Venerdi 26 marzo si tennero i funerali a Rainhill, sulla cassa della madre era scritto, “Maria Deeming, anni 39, ho nulla nelle mani, altro che la tua croce che mi sostiene”. 

 

A Perth nel mentre iniziava il processo. Fu a questo punto che lui sostenne di essere non solo l'assassino di Rainhill ma anche di aver ucciso nel 1888 due prostitute a Londra nel  quartiere di Whitechapel, attribuendosi quindi il titolo di Jack the Riper. A questa suggestiva ipotesi che la stampa subito raccolse per narrare nuove leggende, si dimostrò, però, che in quel periodo invece era in Sudafrica e quindi non poteva essere stato lui. Ma perchè allora accusarsi ? Forse l'idea era quella dell'infermità mentale per evitare il capestro. Successivamente la difesa si basò, infatti, sulla sua pazzia ma pazzo non lo era. Al processo aveva dichiarato” non mi è mai accaduto di avvicinare una donna per una settimana senza che essa non mi chiedesse di...sposarla”.

Ma non fu certo l'unica cosa strana che dichiarò, affermò anche che era condannato a amare le donne nelle quali si imbatteva, e amanti o mogli, doveva poi ammazzarle. Era la maledizione di  sua madre che lo perseguitava! Era ancora bambino quando sua madre gli disse “amerai molte donne e le ucciderai tutte. Amare ed uccidere questa sarà la tua vita. A quarant'anni sarai impiccato”. 

Ma la sua pazzia fu smentita dalla sua potenziale ultima moglie. Quando Deeming dal carcere scrisse a miss Rounsevelle, di vendere un anello da lui donatole e di versarne l'importo all'avvocato che lo doveva difendere, lei disse “L'anello l'ho avuto legittimamente, lo terrò, lo venderò, farò quello che pià mi piacerà, ma non intendo di restituirlo a voi, ne di versarne l'importo al vostro avvocato. D'altronde per essere impiccato, non avete bisogno di difensore, e la forca è quanto oramai potete sperare”. Dal carcere Deeming chiese a più riprese di incontrarla, senza essere accontentato. 

Il tribunale, dopo aver ascoltato vari periti, decise per l'impiccagione che si sarebbe tenuta il 23 maggio. Il dottore della difesa chiese che la testa fosse conservata per studiarla. Oggi la testa di deeming è conservata al Old Melbourne Gaol Museum. 

Si chiuse cosi il caso di Fredericky Baily Deeming il pluriomicida che per salvarsi dichiarò di essere lo squartatore di Whitechapel.

Davide Busato

Davide Busato è nato a Venezia nel 1975. Fondatore assieme a Paola Sfameni nel 2006 della società Arcomai Snc, specializzata in ricerche d'archivio e archeologiche. Ricercatore storico, collabora con università italiane e straniere. 

Dal 2011 cura la rubrica "Cronaca dal passato" del sito d’informazione www.dazebaonews.it. 

È autore del sito http://www.veneziacriminale.it dov’è rappresentata la prima Crime Map di Venezia tra il Seicento e l'Ottocento e del blog http://veneziacriminale.wordpress.com nel quale ospita gli scritti di altri autori come Lara Pavanetto e Federico Toffano. 

Nel 2013 ha curato la prima rassegna letteraria di cronaca nera coinvolgendo: Fabio Sanvitale, Patrizia Guarnieri, Lisa Roscioni, Claudio dell'Orso e Monica Zornetta. 

Ha pubblicato Metamorfosi di un litorale. Origine e sviluppo dell’isola di Sant’Erasmo nella laguna di Venezia (2006) con Marsilio, I serial Killer della Serenissima: assassini, sadici e stupratori della Repubblica di Venezia (2012) e Venezia Criminale: delitti e misteri del '700 (2013) con Helvetia editrice. 

Il libro I Serial Serial Killer della Serenissima è stato tradotto in inglese da Helvetia editrice (2013).

Come coautore: L'isola della Certosa di Venezia (2009) e Forme del vivere in laguna. Archeologia, paesaggio, economia della Laguna di Venezia (2011) con il Centro Studi Riviera del Brenta. 

Ora sta lavorando al prossimo libro sui delitti a Venezia nell'Ottocento in uscita nel 2014.  

veneziacriminale.wordpress.com

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077