Mercoledì, 25 Marzo 2015 15:56

Baby gang. Rapina e minacce. In manette 16 minorenni

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

BENEVENTO - Ripetute minacce con un coltello e spranga per farsi dare 50 euro. E' questa la triste storia compiuta a San Giorgio del Sannio da due 16enni, una ragazzo e una ragazza, ai danni di un loro coetaneo, che a distanza di mesi ha preso forza e ha denunciato le continue vessazioni e minacce a cui era sottoposto.

Così i due ricattatori violenti sono finiti in manette dopo i riscontri effettuati dai carabinieri coincidenti con la versione del minorenne. Gli uomini dell'Arma hanno fermato i due baby rapinatori, che ora dovranno rispondere di rapina, porto abusivo di armi e oggetti atti a

offendere e atti persecutori. I due sono stati accompagnati presso una struttura di prima accoglienza in attesa delle decisioni del tribunale dei Minori di Napoli. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Cate Blachett: “Quale Presidente di giuria non posso che sentirmi umi…

CANNES - L’attrice australiana Cate Blanchett presiederà la 71ma edizione del festival di Cannes che cadrà nel maggio 2018. “Torno a Cannes dopo anni come attrice e produttrice, per le...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Garrincha e Audrey Hepburn: il giorno in cui morì la bellezza

Per una di quelle strane coincidenze della vita, a dieci anni l'uno dall'altra, ci hanno detto addio Garrincha, funambolo brasiliano così chiamato in quanto i suoi passi in campo somigliavano...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077